RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

MUNICIPI SENZA MAFIE

Più informazioni su

Il 18 Novembre: firma del primo protocollo antimafia di Roma I presidenti dei Municipi capitolini accolgono i cinque punti promossi dall’associazione antimafie daSud per contrastare concretamente gli affari dei clan nei loro territori.
Lunedì 18 novembre – ore 11.00
Sede Gruppi consiliari del Campidoglio (Via delle vergini 18)

Appalti, corruzione, gioco d’azzardo, beni confiscati, istruzione. I Municipi di Roma si apprestano a compiere atti concreti contro la presenza e gli interessi della criminalità organizzata sul territorio. Lo fanno attraverso un impegno formale da parte dei Presidenti, che lunedì 18 novembre firmeranno il protocollo “Municipi Senza Mafie” promosso dall’Associazione antimafie daSud.

Alle ore 11.00, presso la sede dei Gruppi Consiliari del Campidoglio (via delle Vergini 18), daSud presenterà i cinque punti del protocollo che corrispondono a impegni precisi, partecipati e misurabili.

Già tante le adesioni pervenute, mentre altre importanti se ne stanno aggiungendo in queste ore. Molti Presidenti di Municipio parteciperanno alla sottoscrizione “ufficiale” del protocollo: Sabrina Alfonsi (I), Giuseppe Gerace (II), Paolo Emilio Marchionne (III), Emiliano Sciascia (IV), Giammarco Palmieri (V), Susi Fantino (VII), Andrea Catarci (VIII), Andrea Santoro (IX), Andrea Tassone (X), Maurizio Veloccia (XI), Valerio Barletta (XIV), Daniele Torquati (XV).

Saranno anche presenti Paolo Masini, assessore ai Lavori pubblici e alle periferie di Roma, Riccardo Magi, presidente commissione Legalità e Diritti del Consiglio Comunale di Roma, e i capogruppo al Comune Francesco D’Ausilio (Partito Democratico), Luca Giansanti (Lista Civica Marino) e Gianluca Peciola, (Sinistra Ecologia e Libertà).“Municipi Senza Mafie” rappresenta una sperimentazione, un punto di partenza perché tutte le istituzioni, locali e nazionali, in stretta relazione con le realtà sociali e territoriali mettano in pratica azioni concrete di prevenzione e contrasto del radicamento mafioso.

I Presidenti che firmano la carta d’intenti proposta dall’Associazione daSud si impegnano formalmente a promuovere, sostenere e rendicontare nei propri territori e con le proprie comunità alcune buone pratiche antimafia su temi strategici per il futuro della città: la gestione degli appalti pubblici, le strategie contro la corruzione, il contrasto al gioco d’azzardo, la valorizzazione dei beni confiscati, la formazione e la cultura.

Più informazioni su