Municipio I lancia iniziativa ‘libro sospeso’, in aiuto di famiglie in difficoltà

Roma – A Roma oggi riapre il mercato dei libri usati di Lungotevere Oberdan, che da luglio a ottobre rappresenta una valida alternativa per le famiglie alle prese con il grande problema dell’acquisto dei testi scolastici per i propri figli, con le postazioni assegnate lo scorso anno mediante un bando del municipio di durata triennale che aveva previsto che gli operatori svolgessero attivita’ con finalita’ sociali.

“Sulla scia di tutte le iniziative di solidarieta’ a sostegno delle famiglie messe in campo durante i mesi del lockdown dal Primo Municipio in collaborazione con la grande rete del volontariato sociale- spiega la presidente Sabrina Alfonsi- in accordo con l’Associazione dei Librai abbiamo deciso di lanciare anche qui una raccolta di fondi per aiutare chi ha maggiori difficolta’ nel sostenere la spesa per l’acquisto dei libri scolastici”.

“Il tutto avviene attraverso un meccanismo molto semplice- aggiunge Emiliano Monteverde, assessore alle Politiche Sociali del Municipio, presente questa mattina a Lungotevere Oberdan per il lancio dell’iniziativa insieme alla presidente Alfonsi e agli assessori Jacopo Emiliani Pescetelli e Cinzia Guido- Chi viene qui per acquistare i libri per se o per i propri figli puo’ lasciare una somma a titolo di offerta volontaria per dare un contributo a favore di chi ha meno possibilita’, per il quale gli verra’ rilasciata una ricevuta.”

“Le somme raccolte grazie alla generosita’ degli acquirenti verranno comunicate, a cadenza periodica, al Municipio che provvedera’ a rilasciare dei voucher per l’acquisto di libri ai soggetti piu’ bisognosi tra quelli segnalati dai servizi sociali municipali, i quali potranno utilizzarli presso qualsiasi banco di vendita. L’Associazione dei Librai, da parte sua, contribuira’ con una donazione alla costituzione del fondo di solidarieta’”.

“Speriamo di mettere in moto, anche in questo caso, un circolo virtuoso come quello che ha permesso a iniziative come la spesa sospesa di riscuotere un grande successo- conclude la presidente Alfonsi- E’ importante che la solidarieta’ e il sostegno vengano indirizzati anche per offrire una risposta a bisogni ‘culturali’, perche’ sappiamo bene quanto puo’ pesare il costo dell’acquisto di libri scolastici su bilanci familiari gia’ duramente provati dagli avvenimenti degli ultimi mesi. Come sempre, per il successo di questa iniziativa confidiamo nella grande sensibilita’ e generosita’ dei nostri concittadini, dimostrata in piu’ occasioni”.