RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Municipio II: 600 bambini al centro estivo pubblico

Più informazioni su

Roma – Gioco e sport. Attività ludiche ed educative. Continua il centro estivo del Municipio Roma II gestito dalla Cooperativa Le Mille e una Notte nello spazio dell’Aereonautica Militare.

“Anche quest’anno abbiamo proposto un centro ricreativo estivo co-finanziato dal II Municipio. Le attività per le bambine e i bambini non possono esaurirsi con la fine dell’anno scolastico”. Lo dichiarano la presidente Francesca del Bello e l’Assessore alla scuola Emanuele Gisci.

“I minori – spiegano – hanno bisogno di socializzare e continuare il loro percorso educativo e di gioco. Chi crede nell’educazione pubblica deve farsi carico di questa necessità anche in estate e dare la possibilità alle famiglie di lasciare i propri bambini in un luogo accogliente e formativo”.

Sono 357 le famiglie dei bambini iscritti al centro estivo. Tra queste 55 vivono situazioni di difficoltà socio economica o di disabilità e sono già in carico ai servizi sociali del Municipio.

Sono 600 i minori che frequenteranno il centro estivo considerando l’intero periodo. Nella prima settimana sono stati 111 e in quella corrente circa 100.

“I numeri emersi dai primi giorni – spiega Gisci – raccontano una forte richiesta da parte dei genitori. Avere a disposizione uno spazio pubblico per i bambini che contempli anche la possibilità di stare all’aria aperta, di fare sport e di giocare con i coetanei. Le esigenze di lavoro delle famiglie spesso non si conciliano con la possibilità di accompagnare i bambini alle attività estive”.

Il Centro Estivo municipale

Il Centro Estivo municipale è aperto a tutti i bambini e i ragazzi dai 3 ai 13 anni che risiedono nel territorio o frequentano una scuola del municipio. Le principali attività sportive proposte sono: piscina, padel, tennis, volley, calcio.

Ma ai bambini viene anche proposto il disegno, il teatro, il laboratorio artigianale. Oltre alla possibilità di svolgere i compiti delle vacanze e di collaborare con gli operatori alla cura degli spazi per imparare concretamente le regole dello stare insieme.

Più informazioni su