Municipio II: Villa Mercede sta crollando ma dal Comune arriva solo arroganza

Roma – “Ormai siamo arrivati al ventesimo mese dal crollo del muro di cinta di Villa Mercede (lato Via dei Marrucini). Oltre al nulla fare ad opera delle istituzioni chiamate ad intervenire, riscontriamo l’inaudito silenzio sulle nostre richieste ad intervenire da parte di Sovrintendenza capitolina e dipartimenti di Roma Capitale. Come se non bastasse, oltre alla presa in giro dei cittadini, queste ‘autorevoli’ istituzioni ci hanno fatto spendere 40mila euro dei soldi municipali per perimetrare la strada e riaprirla ad una carreggiata. Un fatto che risulta odioso alla luce dell’inerzia manifestata da questi signori”. Lo scrive su Facebook l’assessore all’Ambiente, Verde e Sport del II Municipio di Roma, Rino Fabiano.

“Autobus deviati, circolazione precaria, villa impraticabile… Tutto cio’ non basta a questi illustrissimi poteri per lavorare alla soluzione, anzi, si infastidicono anche se li disturbi nel chiedergli di farlo. Come se non bastasse i Rangers (responsabili di apertura, chiusura e manutenzione) e la Biblioteca comunale all’interno discutono senza trovare soluzioni sull’orario di chiusura della villa, che di fatto non permette alla biblioteca di svolgere il suo lavoro regolarmente. Ogni mio tentativo di mediare, di fare da ponte non e’ servito a nulla- prosegue Fabiano- Dipartimento Cultura assente, neanche i ponti servono piu’. Ormai l’arroganza dell’inerzia ha preso il sopravvento. Denuncio pertanto come assessore all’Ambiente del Municipio Roma II la gravissima situazione di stallo e immobilismo. Per fare chiarezza e informare tutti i cittadini sulle responsabilita’”