RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

MUNICIPIO XI, OGGI IN AULA CONSILIARE 250 STUDENTI PER “CONOSCERE I CONFLITTI PER SCEGLIERE LA PACE”

Più informazioni su

VELOCCIA: “INFORMARE E CONSAPEVOLIZZARE I RAGAZZI PER CONTRIBUIRE A FARNE ADULTI PIU’ RESPONSABILI”
Si è tenuto questa mattina, nella Sala Consiliare del Municipio Roma XI, a via Mazzacurati,  l’evento finale di “Conoscere i conflitti per scegliere la pace”. Il progetto, organizzato dall’Istituto di Ricerche Internazionali Archivio Disarmo, in collaborazione con la Regione Lazio e con il Municipio XI, ha coinvolto 40 classi delle scuole medie e superiori del territorio, più due classi delle scuole elementari, con l’obiettivo di informare e sensibilizzare i ragazzi su tematiche di geopolitica, inerenti soprattutto i conflitti in corso nel mondo. Presenti nell’aula consiliare circa 250 studenti  che hanno presentato i loro lavori e che hanno ricevuto un attestato di partecipazione. Hanno partecipato all’evento il Presidente del Municipio XI Maurizio Veloccia e il giornalista Ennio Remondino, già inviato di guerra nei Balcani e in Afghanistan e vincitore del premio Colomba d’Oro per la Pace, che ha introdotto e presentato  la manifestazione.
“Quest’anno siamo riusciti a coinvolgere tanti studenti delle nostre scuole in questo progetto, di grande importanza didattica, civile e culturale – ha commentato il Presidente del Municipio XI, Maurizio Veloccia – Dobbiamo insegnare ai nostri giovani il valore della pace partendo anche dalla spiegazione dei tragici conflitti che hanno caratterizzato la storia più recente. Solo pochi anni fa abbiamo vissuto drammi vicinissimi di cui nulla sapevamo e dei quali, soprattutto i più giovani, spesso ignorano persino l’esistenza. A gennaio abbiamo ospitato, nella stessa sala, Piero Terracina che è stato vittima delle tragedie della seconda guerra mondiale. Oggi con questo evento proseguiamo ad informare e consapevolizzare i ragazzi per contribuire a farne adulti più responsabili, e credo che anche questo sia il compito delle Istituzioni locali” ha concluso il Presidente.

Più informazioni su