Quantcast

Municipio XIII: comincia ricostruzione Auditorium Albergotti

Roma – Iniziano nei prossimi giorni i lavori di ricostruzione dell’Auditorium di Via Albergotti infatti con D.D. del 20/09/2021 si è proceduto all’aggiudicazione dell’accordo quadro per i lavori di rifacimento. https://www.comune.roma.it/web/it/bando-concorso.page?contentId=BE C799290 Una breve sintesi per ricordare cosa è accaduto al cantiere costato alla cittadinanza13 anni di lavori e circa 4 milioni di euro. E’ quanto si legge nella nota del Municipio XIII.

Auditorium Albergotti: 30 novembre 2016 Le lavorazioni, che intervenivano all’interno della copertura dell’auditorium per eliminare delle infiltrazioni, erano in atto; infatti dopo l’ennesimo stallo degli anni precedenti e ben 13 di attesa, con direttiva di giunta del 29 novembre 2016 stavamo già lavorando per l’appalto di assegnazione e le destinazioni d’uso.

Si attendevano solo gli arredi che avrebbero permesso la consegna ai cittadini di un teatro, un centro culturale di circa 200 posti. Il 30 novembre 2016 l’incendio che ha rimandato nuovamente questa opportunità, che il quartiere aspettava dal 2003.

Nel I SEMESTRE 2017 si procedeva all’interdizione dell’area Nel GIUGNO 2017 il municipio affidava l’incarico ad un professionista (CTU) per una Consulenza Tecnica d’ufficio per la perizia e la quantificazione del danno L’impresa a sua volta richiedeva al tribunale un ATP, accertamento tecnico preventivo, con attività delle prove aderenti al calendario stabilito dal CTU, che si protraeva fin verso la fine del secondo semestre 2017.

Dicembre 2017 Il professionista tecnico incaricato la perizia a dicembre 2017, mentre il Tribunale, a sua volta, disponeva il termine definitivo per il deposito dell’elaborato peritale definitivo del CTU ad agosto 2018.

Chiuso il procedimento per la quantificazione del danno, nelle more del risarcimento assicurativo sono state richieste risorse finanziare per eseguire sia gli interventi progettuali di ripristino, che quelli tesi a rendere fruibile e funzionale l’edificio danneggiato, ormai in stato di inagibilità dal 2016, come descritto dalla perizia eseguita all’epoca dell’evento dalla CTU di Roma Capitale evidenziando che, con il passare del tempo, tale situazione risultava aggravata.

Si procedeva quindi all’assegnazione di risorse finanziarie nel Bilancio 2019, mettendo a disposizione i fondi per l’incarico dell’attività demolizione, bonifica e di progettazione, quest’ultima tenendo conto del percorso partecipativo con la cittadinanza e che si è svolto in 3 incontri, a partire dal 4 giugno 2019.

Il giudice con sentenza conferma l’imperizia e la negligenza dell’impresa; quindi, vengono recuperati i fondi assicurativi per il risarcimento. Nel secondo semestre del 2020 è stato realizzato il progetto per la demolizione delle parti ammalorate e della bonifica del sito. Con D.D. del 20/09/2021 si è proceduto all’aggiudicazione dell’accordo quadro per i lavori di rifacimento.