RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Nanni: Repubblica ancora chiusa, esposto a Corte dei Conti

Roma – “Nei prossimi giorni ci recheremo alla Corte dei Conti per presentare un esposto per danno erariale per i mancati incassi dovuti alla chiusura della stazione Repubblica della metro A. Dopo sette mesi e mezzo Repubblica e’ ancora chiusa con mancati incassi certificati, visto che in quella stazione, quando era aperta, venivano timbrati piu’ di 10mila biglietti al giorno. L’aumento delle timbrature nella stazione precedente Termini, e in quella successiva Barberini, non colmano il numero di biglietti che venivano obliterati prima del 23 ottobre 2018, giorno della sua chiusura. Un saldo negativo di quasi 100 mila biglietti in meno timbrati. Nonostante tutto questo, ad oggi nessun provvedimento e’ stato preso, nessun dirigente si e’ dimesso, nessun amministratore locale si e’ assunto un briciola di responsabilita’. Non oso immaginare i book fotografici e i video che sarebbero circolati sul web e sui social se i 5 Stelle fossero stati all’opposizione”. Cosi’ in un comunicato Dario Nanni, coordinatore di Roma e provincia di Italia in Comune e consigliere del VI Municipio.

“Ma oltre al danno erariale, romani e turisti stanno subendo altri notevoli danni. In primis il disservizio quotidiano per la chiusura di questa fermata, alla quale si sono sommate per diverso tempo anche quelle di Barberini e Piazza di Spagna. Inoltre vorrei ricordare la gravissima situazione che vede coinvolte le attivita’ commerciali di Piazza della Repubblica ormai al collasso e a rischio chiusura, vista la drastica diminuzione di clientela che transita in quella zona. Questa vicenda ricorda quella che vide coinvolta negli anni ’80 una cartiera del Senegal, rimasta bloccata per anni in attesa di un pezzo di ricambio che doveva arrivare dall’estero ma che non arrivo’ mai. Invece e’ il 2019. Siamo in Italia esattamente a Roma, la Capitale d’Italia, negli anni del governo del cambiamento, in cui pero’ i 5 Stelle non riescono neanche a cambiare un pezzo di ricambio di una scala mobile”.