Nardella: far cadere Marino fu valutazione politica, nessun errore

Firenze – “Col senno di poi non fu un errore, ma una valutazione politica che per molti versi prescindeva dalla vicenda giudiziaria”. Lo afferma il sindaco di Firenze, Dario Nardella, intervenendo a Omnibus su La 7, rispondendo a una domanda sulla iniziativa assunta dal Partito democratico nell’ottobre del 2015 per far cadere la Giunta comunale a Roma guidata da Ignazio Marino.

Una questione tornata d’attualita’ a seguito della recente sentenza della Cassazione sul caso scontrini che ha scagionato l’ex primo cittadino della capitale. Alla domanda se sia stato giusto, pertanto, portare i consiglieri comunali del Pd dal notaio per le dimissioni collettive e porre fine cosi’ all’amministrazione Marino, il sindaco di Firenze conferma: “Si’, perche’ era una vicenda politica. Il giudizio prescindeva dalla vicenda giudiziaria che si e’ conclusa positivamente”.