RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Nidi chiusi a settembre in Municipio XI: genitori chiedono a Raggi soluzione per 400 bambini

Roma – “Gentilissima sindaca Raggi, i genitori del municipio XI e l’associazione Genima, genitori nidi e materne di Roma, le scrivono per portare con estrema urgenza alla sua attenzione la criticita’ di 7 nidi chiusi su 16 nel municipio XI. Piu’ di 400 bambini a settembre non potranno frequentare il nido per il necessario adeguamento antincendio delle strutture. Siamo consapevoli e concordi che gli interventi sulla sicurezza dei nidi siano fondamentali e indispensabili. Tuttavia riscontriamo che l’organizzazione che l’XI municipio si e’ data nel pianificare il cronoprogramma degli interventi, non abbia considerato minimamente il disagio arrecato alle famiglie, come invece altri municipi hanno fatto”. E’ quanto si legge nella mail inviata dai genitori dei bambini dei nidi del Municipio XI, inviata alla sindaca di Roma, Virginia Raggi.

“Non essendoci piu’ una giunta municipale- si legge ancora- i genitori si sono rivolti ai dirigenti municipali del dipartimento educazione, nonche’ agli uffici tecnici, chiedendo di persona e via mail ai contatti municipali, ricevendo prima spiegazioni ma non soluzioni, poi un passaggio di competenze in cui la direzione socioeducativa scriveva di parlare con la direzione tecnica e viceversa, e negli ultimi giorni non arrivano neanche piu’ risposte ai solleciti di riscontro inviati via mail. L’associazione Genima si e’ a sua volta rivolta all’assessorato comunale alla Scuola e alla Persona”.

“Non avendo avuto riscontri risolutivi- concludono i genitori- scriviamo a lei e a tutti gli attori fino ad oggi coinvolti le seguenti richieste: Una soluzione che eviti la mancata frequenza del mese di settembre, ad esempio con il dislocamento dei bambini nella altre 9 strutture disponibili, in nidi privati convenzionati o che finanzi soluzioni alternative private; Date certe di inizio e fine lavori per tutti i 7 nidi coinvolti, per dare informazioni attendibili e trasparenti a tutte le famiglie e la possibilita’ di organizzarsi in tempo”.