RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Nomadi, M5S boccia richiesta smantellamento campo Rom

Più informazioni su

Nomadi – La commissione Politiche Sociali del Campidoglio, a maggioranza 5 Stelle, ha espresso parere non favorevole (5 contrari) alla Proposta di delibera di iniziativa popolare 90/2015 che riguarda lo smantellamento definitivo dei campi nomadi e la regolamentazione della presenza di Rom, Sinti e Camminanti nel territorio della città di Roma.

NOMADI, M5S :”VOGLIAMO VOLTARE PAGINA”

Nomadi, M5S boccia richiesta smantellamento campo Rom

Nomadi, M5S boccia richiesta smantellamento campo Rom

Il nuovo regolamento, che dunque non vedrà mai la luce, prevedeva appunto lo smantellamento definitivo dei “campi nomadi, dei villaggi della solidarietà e di ogni altra forma di dimora per i nomadi” ponendo anche “il divieto di crearne nuovi”. Il pano prevedeva la nascita di 8 aree sosta temporanee destinate ad ospitare un massimo di 200 persone, per un periodo massimo di 6 mesi, e da individuare nei pressi delle grandi arterie di comunicazione, lontano dai centri abitati e non lungo gli argini dei fiumi. Solo all’interno di queste aree sarebbe stato possibile sostare pagando una tassa di stazionamento e dopo essersi sottoposti ad un censimento attraverso cui dichiarare non solo le generalità ma anche i beni posseduti. Questo per verificare la reale condizione di necessità del richiedente e per stilare una graduatoria per gli accessi. La proposta prevedeva poi un servizio di vigilanza permanente a cura della polizia di Roma Capitale e l’installazione in tutte le aree di sosta di telecamere collegate con la sala sistema Roma. Previsti anche presidi sanitari e controlli costanti per verificare i documenti delle persone in sosta. Stretta anche sulla sicurezza visto che all’interno non si sarebbero potute ospitare persone agli arresti domiciliari. Sulla proposta di iniziativa popolare, presentata oggi dall’ex consigliere Fdi Federico Rocca, era già arrivato il parere contrario dei Municipi II V VI VII VIII VIV XIII XIIII e VV, mentre il municipio I ha espresso parere contrario con osservazioni. “Riconosciamo il buon intento della proposta ma vogliamo intraprendere un percorso nel rispetto della legalità e non si possono prevedere solo aree di sosta. Questa proposta ha degli spunti ma non la condivido in toto”, ha sottolineato Maria Agnese Catini, presidente della commissione e consigliere M5S, motivando il no alla proposta. “Abbiamo tutta l’intenzione di cambiare pagina rispetto al passato” ed anche per questo “abbiamo iniziamo a prevedere un percorso per la chiusura de ‘La Barbuta’ e Monachina con fondi UE ed abbiamo già iniziato con i censimenti dei nuclei familiari”, ha concluso.

Più informazioni su