Quantcast

Omceo Roma, Magi: se medico da ok anche seconda dose AstraZeneca

Roma – “Dobbiamo ascoltare anche le richieste dei cittadini: se qualcuno ha dubbi nel fare un vaccino differente rispetto a quello che ha già fatto, a quel punto sarà il medico, dopo un’attenta anamnesi, a consigliarli cosa fare”. Lo ha detto il presidente dell’Ordine dei medici di Roma, Antonio Magi, intervenendo oggi ai microfoni di Radio Cusano Campus.

“Esiste la libertà di cura e di scelta del cittadino, anche la Costituzione lo prevede- ha proseguito- il cittadino ha la priorità e deve essere accontentato, nessuno in questo momento può obbligare a un trattamento sanitario”.

Quindi volendo rimane, laddove il medico sia d’accordo, la possibilità di fare la seconda di AstraZeneca? “È opportuno seguire le indicazioni che ci sono state date- ha risposto Magi- ma se tra gli under 60 qualcuno ritiene di non voler cambiare il vaccino, l’importante è che quando vada al centro vaccinale o dal medico di famiglia venga fatta un’anamnesi accurata. Sarà poi il medico a valutare e a consigliare o meno di fare la seconda dose con AstraZeneca”.

Quello che infine è mancata, secondo Magi, è stata una “comunicazione chiara: si doveva dire che quel vaccino si poteva o non si poteva fare, perché le ‘raccomandazioni’ hanno creato solo confusione”.