Quantcast

Ordinanza Zingaretti: dal 1 luglio consentiti balli e bingo

Roma – Da lunedi’ 15 giugno nel Lazio sono autorizzate fiere, congressi, cerimonie e anche le attivita’ che hanno luogo in discoteche e locali, ma non si potra’ ballare. Il ballo sara’ consentito soltanto all’aperto dal primo luglio. Sempre dal primo luglio si potra’ andare nelle sale bingo, sale giochi e sale scommesse, le cui aperture sono posticipate rispetto al Dpcm del Governo. Il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, ha firmato l’ordinanza su ‘Ulteriori misure per la prevenzione e gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-2019′ che contiene anche l’aggiornamento delle Linee guida inerenti la riapertura delle attivita’ economiche, produttive e sociali.

Fermo restando le attivita’ gia’ autorizzate, l’ordinanza consente da lunedi’ sono consentite “le fiere, i congressi, le cerimonie, nonche’ attivita’ che hanno luogo in discoteche e locali assimilati, con eccezione delle attivita’ di ballo”, mentre “a decorrere dal primo luglio 2020- si legge nell’ordinanza- sono consentite anche le attivita’ di ballo all’aperto, nonche’ le attivita’ di sale giochi, sale scommesse e sale bingo. Le attivita’ di cui al presente punto si svolgono assicurando il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro sia per il personale, sia per i partecipanti che non siano abitualmente conviventi, con il numero massimo di 1.000 partecipanti all’aperto e di 200 in luoghi chiusi, per ogni singola sala”.

L’ordinanza spiega poi che le attivita’ sociali, economiche e istituzionali “operano adottando tutte le generali misure di sicurezza relative all’igiene personale e degli ambienti e del distanziamento fisico, nonche’ le misure definite, per singola tipologia di attivita’, nelle Linee guida per la riapertura” e quelle contenute nel Protocollo condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro sottoscritto il 14 marzo 2020 fra il Governo e le parti sociali, successivamente integrati in data 24 aprile 2020, oltre alle Linee guida nazionali in materia di sanificazione. L’ordinanza e’ pubblicata sul Bollettino ufficiale della Regione Lazio e sul sito istituzionale dell’amministrazione regionale e ha efficacia dalla data di pubblicazione.