RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Orfini: ringraziamento a Caudo e Raimo per lavoro svolto a Tufello

Roma – “Ogni tanto qui vi ho raccontato della bellezza del Tufello, dei suoi luoghi, della sua gente. Vi raccontai di una intervista in cui Rancore parlava del suo quartiere e dei suoi cortili che sono “come le mie rime, un incastro, non solo nella forma, ma anche nel contenuto. A volte mi sembra si nasconda una citta’ incantata sotto questo labirinto. Ricordo quando giocavo qui cosa andavo cercando da piccolo. Cercavo una grande scoperta, un passaggio segreto per il centro della terra o un’astronave di pietra per salire su un castello che vola. Che poi e’ un po’ quello che chiunque abbia vissuto quei luoghi ha fatto. Io lo attraversavo ogni mattina allungando un po’ per convincere mia figlia ad andare a scuola, inventando sempre storie nuove che in quei luoghi magicamente prendevano vita”. Cosi’ su Facebook Matteo Orfini, presidente del Pd.

“Lunedi’ scorso, mentre ero a Ravenna alla festa nazionale dell’Unita’, in quei cortili e’ successa una cosa bellissima. Christian Raimo, assessore della giunta Caudo (III Municipio di Roma, ndr), ha invitato Valerio Mastandrea a parlare di cinema. E lo ha portato a farlo non in una sala o in Municipio, ma in quei cortili. Che d’incanto si sono riempiti di centinaia di persone. Cercate le foto che raccontano la serata, guardate che bello. Non e’ una iniziativa isolata ovviamente. Si era cominciato il primo agosto con Luca Serianni ai giardini sopra la stazione della metro Jonio. E altre ne verranno”, aggiunge.

“Ma vedete, c’e’ qualcosa che va oltre il successo dell’iniziativa: fare una cosa del genere significa provare a ricostruire la civitas, la citta’ intesa non solo come forma urbana ma come comunita’ di persone. Rimettere insieme le persone, ridare vita ai luoghi che oggi sono spesso solo punti di passaggio ma che possono invece diventare luoghi di incontro, confronto. Farlo in periferia dove spesso le reti di relazione tra le persone sono piu’ fragili e sfibrate conta molto di piu’. E aiuta a dimostrare che le periferie di cui tutti parlano, spesso senza sapere nemmeno dove stiano, sono o possono essere molto diverse da come le si racconta. E allora grazie a Christian Raimo e a Giovanni Caudo per questo lavoro”, conclude Orfini.