RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Ottaviani: a Frosinone siamo sovraccarichi, Raggi vada da un’altra parte

Roma – “Una disponibilita’ per una settimana si puo’ verificare”, ma non di piu’. Nicola Ottaviani, sindaco di Frosinone, risponde al primo cittadino di Roma Virginia Raggi che ha fatto appello anche ad altri Comuni del Lazio per “supportare Ama in questo momento e finche’ sara’ necessario” dopo il rogo di questa notte al Tmb Salario.

“Noi siamo sovraccarichi- ha replicato Ottaviani. Non siamo in condizione. Andassero da un’altra parte”. L’incendio di questa mattina presso il Tmb del Nuovo Salario, prosegue il primo cittadino di Frosinone, “mostra ancora una volta, come alcuni amministratori pubblici concepiscano il proprio ruolo esaltando esclusivamente la propria leggerezza dell’essere, senza preoccuparsi per tempo effettivamente della salute dei cittadini”.

Per Ottaviani “e’ inconcepibile che i primi provvedimenti di tutela della salute pubblica siano stati adottati attraverso il primo comunicato relativamente ai comportamenti da tenersi da parte della cittainanza, sia stato diramato verso le ore 11 mentre l’incendio era in realta’ divampato circa 6 ore prima, in un quartiere certamente non periferico”.

Del resto, “come gia’ accadeva in passato, ancora una volta si vogliono utilizzare situazioni di emergenza, comunque causate dall’uomo – poiche’ un’autocombustione con temperature esterne prossime allo zero e’ difficilmente concepibile – per giustificare l’ostinata volonta’ da parte della Raggi e della Giunta capitolina di non realizzare, una volta per tutte, la filiera del ciclo chiuso dei rifiuti all’interno dell’area metropolitana romana”.