Palozzi: Cimitero Laurentino in degrado, Raggi non pensa nemmeno ai morti

Roma – “I cimiteri dovrebbero essere luoghi sacri di culto e di memoria dove i familiari possono ricordare e pregare i propri cari scomparsi, in un contesto di rispetto e decoro. Ma, evidentemente, tutto questo non puo’ avvenire nella Roma della sindaca Raggi, dove non si riesce nemmeno a pensare ai vivi, figuriamoci ai morti…”

“L’esempio lampante, purtroppo, e’ il cimitero Laurentino, dove a farla da padrona sono ormai da tempo degrado e incuria. Una situazione ambientale e infrastrutturale di una gravita’ inaudita. Il camposanto comunale di Trigoria, gestito dalla municipalizzata Ama, infatti, versa in uno stato di abbandono indicibile e scandaloso, tra avvallamenti, tombe letteralmente sprofondate (ad esempio il sepolcro di Riccardo Schicchi, come ci viene segnalato dalla famiglia del regista) e carenza di nuovi loculi.”

“Una situazione preoccupante e precaria, della quale dobbiamo ‘ringraziare’ il Comune di Roma e Ama incapaci di tutelare e ridare dignita’ ai cimiteri della Capitale d’Italia.”

“Reputiamo, altresi’, inopportuno e fuori luogo costringere i cittadini a visitare i propri defunti in questo scempio: per questa ragione, sollecitiamo Sindaca Raggi e compagnia a invertire la rotta e a mettere in campo immediatamente interventi di messa in sicurezza e opere di ampliamento all’interno del cimitero Laurentino”. Cosi’ in un comunicato il consigliere regionale del Lazio e responsabile nazionale Organizzazione di Cambiamo con Toti, Adriano Palozzi.