RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Palumbo-Baglio: a rischio investimenti per cimiteri Capitale

Roma – “A rischio gli investimenti nei cimiteri romani. I fondi del 2018, quattro milioni di euro stanziati da Roma Capitale a dicembre 2017 nel bilancio 2018, non sono stati ancora assegnati dall’amministrazione ad Ama. Siamo ormai a fine ottobre e ci sono seri dubbi che, se pure li ricevesse, l’azienda riesca a impegnare i fondi con gare e affidamenti e quindi a spenderli. Piu’ probabile, visti i ritardi, che vadano persi. Lo stanziamento di 4 milioni di euro nel 2018 fa parte di un investimento triennale deciso dall’amministrazione fino al 2020, per complessivi 12 milioni di euro”.

“Tra i lavori da avviare con questi stanziamenti anche l’ampliamento del cimitero Laurentino, che a questo punto subira’ una battuta di arresto. Lo abbiamo appreso nel corso della commissione Trasparenza convocata oggi su richiesta del consiglierre Francesco Figliomeni, che da oltre un anno attende risposte alle sue interrogazioni sul degrado nei cimiteri Verano e Flaminio e non ha ancora ricevuto documenti richiesti con accesso agli atti”. Cosi’ il presidente della commissione Trasparenza, Marco Palumbo e la consigliera capitolina del Partito democratico, Valeria Baglio.

“Una soluzione paradossale- prosegue la nota congiunta- che vede Ama riversare nelle casse capitoline ogni mese i soldi dei contribuenti, in base al nuovo contratto di servizio approvato a maggio, ma che in cambio non ottiene fondi da investire. Un contratto di servizio che prevede varie fasi, tutte ancora da avviare. Se pensiamo poi che il bilancio Ama e’ ancora bloccato e non si capisce cosa intende fare l’amministrazione, si capisce ancora meglio lo stato di degrado di alcuni servizi”.

“I soldi dei romani finiscono con puntualita’ nelle casse del Campidoglio, ma con la stessa puntualita’ non vengono spesi per migliorare servizi. Gia’ l’Oref sull’ultima variazione di bilancio ha avvisato il Campidoglio del rischio overshooting e cioe’ di un eccesso di risorse non spese. Una grave inerzia che sta bloccando la citta’ e i suoi servizi”.