Palumbo-Trombetti: bonus affitti in alto mare

Roma – “Solo 9mila domande di buono affitto sono state regolarmente liquidate finora dal Comune di Roma su un totale di 50mila istanze presentate. Ecco il bilancio di mesi di lavoro della Giunta Raggi.”

“In piena emergenza Covid, anziche’ accelerare le pratiche lavorando ventre a terra per soddisfare le richieste dei romani colpiti dalla crisi assicurandogli una boccata di ossigeno, l’Amministrazione 5 stelle si perde in chiacchiere e in ritardi mostruosi, adducendo continue giustificazione e dimostrando di essere anni luce lontana dalle esigenze di questa citta’”. Lo dichiarano in una nota il Presidente della commissione Trasparenza Marco Palumbo e il responsabile Pd per le Politiche della casa Yuri Trombetti.

“Questa mattina nel corso della commissione Trasparenza convocata per verificare lo stato dell’arte dell’erogazione dei buoni casa e buoni affitto da parte del Campidoglio- prosegue la nota- abbiamo dovuto amaramente constatare che il Comune di Roma e’ in terribile ritardo sia sull’istruttoria delle pratiche sia sull’erogazione dei fondi.”

“Confusione anche sulle modalita’ di liquidazione e sui tempi di uscita delle graduatorie. I dati sono lampanti: finora sono state pagate poco piu’ di 9mila domande di buono affitto, strumento in parte finanziato con fondi regionali.”

“Oltre il 70% delle pratiche istruite sono state dichiarate inammissibili per mancanza di documentazione. Un dato allarmante, visto che in piena emergenza Covid e con la difficolta’ ad interfacciarsi con gli uffici, era assolutamente possibile perdere qualche pezzo.”

“I cittadini richiedenti dovranno aspettare per capire cosa hanno sbagliato, perche’ la graduatoria non e’ stata ancora presentata. Insomma, un disastro su tutta la linea firmato Giunta Raggi.”

“A poco valgono le timide giustificazioni portate questa mattina dall’Assessore Vivarelli, che ha parlato di un carico di lavoro straordinario. Ci mancherebbe, siamo in pandemia. Ma il Covid non puo’ certo continuare ad essere una scusa buona per tutto. I cittadini non possono continuare a pagare i ritardi, l’inefficienza e la mancanza di programmazione di questa Giunta.”

“Un’ultima nota drammatica: l’istruttoria per il contributo di affitto del 2019 (parliamo di un bando scaduto un anno fa) non e’ ancora cominciata. Il Comune l’affidera’ a una societa’ estrema tramite appalto. Chi lo ha richiesto, nel frattempo, puo’ praticamente perdere ogni speranza di vedere qualche soldo prima di mesi”.