Parco Prampolini, progetto integrazione socio-lavorativa

Più informazioni su

Roma – Sottoscritto il protocollo d’intesa per il progetto di integrazione socio-lavorativa ‘Parco Prampolini’, gia’ approvato dalla Giunta Capitolina e rivolto a persone con disagio mentale di eta’ compresa tra i 18 e i 70 anni residenti nei Municipi IV, V, VI, VII, VIII e IX di Roma Capitale.

A breve la gara per l’affidamento del servizio che partira’ nei prossimi mesi con le modalita’ previste dall’andamento della situazione sanitaria. Cosi’ in un comunicato il Comune di Roma.

Il progetto coinvolge l’Assessorato alla Persona, Scuola e Comunita’ Solidale, l’Assessorato alle Politiche del verde, benessere degli animali e rapporti con la cittadinanza attiva nell’ambito del decoro urbano, il Municipio Roma V e la Asl Roma 2, che individuera’ gli utenti assicurando loro la necessaria continuita’ terapeutica-riabilitativa attraverso il Dipartimento di Salute Mentale.

Obiettivo e’ promuovere l’autonomia personale, al fine di favorire l’inclusione sociale e lavorativa, delle persone con disagio mentale stabilizzato sviluppando abilita’ lavorative relativamente alla manutenzione del verde e dell’orticoltura; nonche’ la possibilita’ per la popolazione tutta di acquistare prodotti ortofrutticoli cosiddetti a ‘Km zero’.

Si intende potenziare i percorsi di formazione in tirocinio nell’ambito della manutenzione del verde e dell’orticoltura; avviare un percorso di impresa sociale nello stesso ambito; valorizzare l’area verde del ‘Parco Prampolini’ per la popolazione residente nel Municipio V e per l’intera citta’.

È stata quindi individuata all’interno del Parco Prampolini un’area di oltre un ettaro per l’attivita’ formativa in tirocinio di orticoltura, mentre altri spazi verranno messi a disposizione per i percorsi formativi per la manutenzione del verde.

“Roma dimostra ancora una volta la sua capacita’ di inclusione con un progetto che promuove l’autonomia delle persone con disagio mentale, favorendo il loro inserimento lavorativo e l’integrazione sociale, che vanno a influire positivamente sul percorso di cura e riabilitazione”, afferma la sindaca di Roma, Virginia Raggi.

“Prosegue l’impegno per le persone con disagio mentale, con un approccio che mira a superare la logica puramente assistenziale e a promuovere il benessere globale della persona. Grazie a questo progetto proponiamo un approccio inclusivo che oltre a garantire la necessaria continuita’ terapeutica-riabilitativa promuove l’autonomia personale, sociale e lavorativa, nonche’ il rapporto con il verde e la sua cura, anche a beneficio della citta’. Da assistiti a protagonisti attivi e impegnati”, dichiara l’assessora alla Persona, Scuola e Comunita’ solidale, Veronica Mammi’.

“È un progetto importante che mira a sviluppare un modello innovativo di integrazione socio-lavorativa. La scienza ha dimostrato l’impatto positivo prodotto dal contatto con la natura, in particolare sulle persone con disagio mentale. La cura del verde e degli orti stimolano i sensi e consentono di aumentare l’autostima e l’interazione sociale. Abbiamo individuato il parco Prampolini, nel V Municipio, area verde che, attraverso un complesso lavoro, abbiamo acquisito e reso fruibile”, spiega Laura Fiorini, assessora alle Politiche del verde.

“Si tratta di una iniziativa innovativa con l’obiettivo di realizzare un vero e proprio inserimento lavorativo attraverso l’impresa sociale che rientra nell’ambito dei percorsi socioriabilitativi che il Dsm Asl Roma 2 in collaborazione con Roma capitale porta avanti sul territorio per i cittadini con grave disagio psichico”, sottolinea il direttore generale della Asl Roma 2 dott.ssa Flori Degrassi.

“Il V Municipio, che si contraddistingue da tempo nella promozione dell’integrazione socio-sanitaria, e’ orgoglioso di ospitare una progettualita’ cosi’ ambiziosa e complessa, non solo a fini riabilitativi, ma anche ai fini della promozione di avviamento di veri e propri progetti lavorativi. È il lavoro la vera emergenza di questi tempi bui”, sostiene il presidente del V Municipio, Giovanni Boccuzzi.

Più informazioni su