Quantcast

Partito Gay, Marrazzo: Pride in politica, presentate liste

Roma – “Da oggi inizia il PRIDE dalla comunità Lesbica, Gay, Bisex e Trans (LGBT+) nella politica, finalmente il 3-4 ottobre la nostra comunità che rappresenta il 15% della popolazione, e non solo, potrà votare per i propri diritti, contro il bullismo e le discriminazioni, a sostegno dell’ambiente e degli animali senza mediazioni. Finalmente potremo uscire dal silenzio a cui la politica ci ha relegato per anni.”

“Per la prima volta in Italia a Roma, insieme a Milano, Torino, Napoli ed altri piccoli comuni italiani, sono state presentate le liste del Partito Gay per i diritti LGBT+, solidale, ambientalista e liberale, che hanno solo candidati della comunità LGBT+ e persone a loro vicini come genitori o amici, molti sono stati già attivisti altri hanno deciso di impegnarsi per la prima volta.”

“In particolare molte sono le persone trans candidate nelle varie città e Municipi mai cosi tante persone trans hanno avuto l’opportunità di essere candidate nella stessa tornata elettorale”. Così in una nota, Fabrizio Marrazzo, candidato sindaco e portavoce Partito Gay per i diritti LGBT+, Solidale, Ambientalista e Liberale.

“La presentazione di queste liste- prosegue Fabrizio Marrazzo, portavoce Partito Gay- rappresentano un vero PRIDE per la politica, finalmente il 3-4 ottobre la nostra comunità potrà votare per i propri diritti senza mediazioni.”

“Voglio ringraziare i Candidati ed i volontari che in tutte le città hanno raccolto le firme nel mese di agosto ed a ferragosto senza pause, e tutte e tutti i cittadini che hanno scelto di firmare per sostenerci dai 18 ai 90 anni.”

“Tra le tante frasi di sostegno mi sono rimaste impresse le frasi delle persone più anziane che ci hanno detto vi abbiamo aspettato per anni e dei giovanissimi che per la prima volta andranno al voto che erano commossi nel poterci votare.”

“La lista di Roma è costituita equamente tra persone con identità di genere femminile e maschile, in Particolare vede come Capolista alcuni dei fondatori del partito come Claudia Toscano, nonna arcobaleno ed insegnate ora in pensione, Maurizio Regosa Giornalista ed attivista LGBT+, Daniele Nardi attivista Transgender, Giovani Picus attivista LGBT+ con disabilità, Leili Concotelli Attivista Transgender, molti sono anche genitori arcobaleno, persone intersex, bisessuali ed eterosessuali. Molti sono professionisti, imprenditori e studenti e la più giovane è Arianna Marcotulli del ’99 la nostra ma già scrittrice di un romanzo a tema LGBT+, ballerina e studentessa universitaria”.