Quantcast

Pd, Alfonsi: cocciniglia, piano di emergenza per salvare pini

Roma – “Una delle prime cose che ho voluto fare come assessora all’Agricoltura, Ambiente e Ciclo dei Rifiuti è stata una riunione con gli uffici sul problema della cocciniglia Toumeyella parvicornis, a seguito anche della commissione regionale tenutasi proprio per affrontare questo problema.”

“La Toumeyella ha attaccato i meravigliosi pini di Roma, un patrimonio arboreo immenso, elemento costitutivo del paesaggio della nostra città. Un problema che se fosse stato affrontato nei tempi, anni fa, poteva essere tenuto sotto controllo, mentre oggi è divenuto un’emergenza di cui siamo ben consapevoli, così come siamo consapevoli che occorrerà un piano emergenziale di cura endoterapica per le piante e risorse straordinarie per attuarlo”. Così Sabrina Alfonsi, assessora all’Agricoltura, Ambiente e Ciclo dei Rifiuti.

“Oggi la Regione Lazio è intervenuta anche grazie al dialogo e al grande lavoro con le associazioni, con le quali manterremo un confronto aperto e continuativo, e con le quali convocheremo una riunione per continuare un percorso proficuo in termini di idee e proposte.”

“Proprio per dare il giusto rilievo e spazio ad ogni delega e per rendere più funzionale ed efficiente il lavoro, stiamo riconfigurando gli uffici con due direzioni apicali, la prima dedicata proprio ad ambiente e agricoltura e la seconda dedicata al ciclo dei rifiuti.”

“Anche le ville storiche rientreranno sotto la competenza gestionale e di manutenzione della direzione Ambiente e Agricoltura, per coordinare in modo efficace gli interventi di recupero e rigenerazione. Abbiamo parchi e ville storiche che dobbiamo curare, valorizzare e far rinascere, anche con risorse economiche e umane adeguate.”

“La riforestazione e l’impegno per la cura delle piante e degli alberi della città è fondamentale per il benessere collettivo, per la qualità dell’aria che respiriamo, per contenere l’impatto ambientale della metropoli, per preservare il meraviglioso patrimonio paesaggistico della città più verde d’Europa.”

“Con il piano di piantumazione migliaia di nuovi alberi verranno piantati dal 2022, nell’ambito della campagna di riforestazione urbana prevista con i fondi del PNRR, mentre già dai primi di dicembre partirà il progetto ‘Ossigeno’ della Regione Lazio, con il sostegno del dipartimento ambiente e il coinvolgimento dei comitati e delle associazioni territoriali”, ha aggiunto Alfonsi.

Roma, ha spiegato ancora Alfonsi, “ha una grande vocazione agricola e lo sviluppo di questo asset è una delle sfide del futuro che ci pone anche l’Agenda 2030 tra i suoi obiettivi per un mondo sostenibile. Roma è uno dei comuni agricoli più grandi d’Europa e vogliamo sostenere la crescita delle aziende agricole di Roma Capitale come delle aziende agricole private, con anche l’assegnazione delle terre disponibili.”

“Io penso che sviluppo agricolo e politica del cibo nella nostra città metropolitana possano costituire un nuovo paradigma di benessere collettivo, basato su produzione e consumo di prodotti locali di alta qualità ottenuti in modo sostenibile, come nel caso del marchio L’Olio di Roma IGP.”

“Prodotti tipici, consumo a km 0 anche per le nostre mense scolastiche, e comportamenti sostenibili nei confronti dell’ambiente che ci circonda sono i cardini della svolta verso una Roma più Green. Un cambiamento che la nostra città deve affrontare, per poter avere un impatto sostenibile sul pianeta, perché le nostre scelte incidono sul benessere collettivo”. (Agenzia Dire)