Quantcast

Pd Comune: in lavoro agile solo 2.000 dipendenti operativi

Roma – “Degli 8.800 lavoratori collocati in smart working dall’amministrazione capitolina, solo 1500/2000 sono stati messi nelle condizioni di essere pienamente operativi. E’ quanto emerso questa mattina nella commissione Roma Capitale, nel corso dell’audizione dell’assessore al personale De Santis. Nel corso della riunione l’assessore al personale ha riferito che dei 23.000 dipendenti del Comune di Roma, circa 12.000 sono stati esclusi dallo smart working: le educatrici, gli insegnanti e la polizia locale non sono in lavoro agile.”

“I dipendenti comunali che stanno lavorando da casa in deroga alle disposizioni vigenti sono 8.800. L’assessore non ha precisato quanti dispositivi Vpn per l’accesso da remoto nei sistemi informatici comunali sono stati attivati ed ha indicato genericamente circa 1500/2000 specificando che non tutte le prestazioni lavorative necessitano di accessi Vpn. L’assessore non ha risposto alla domanda relativa alle attivita’ che si possono fare con e senza Vpn.”

“Non ci e’ chiaro se in Campidoglio abbiano idea, al di la’ della situazione di emergenza, di quanti Virtual Private Network siano stati attivati, ne’ di quanti la rete capitolina e’ in grado di sostenerne. Come si sta attrezzando l’amministrazione per la cosiddetta Fase 2? Quali attivita’ stanno lavorando bene in smart working e quali no? Le attuali prestazioni di lavoro in smart working del personale capitolino sono in deroga ai contratti di lavoro, cosi’ come consentito dalla funzione pubblica e per istituzionalizzare il lavoro agile servira’ l’avvio di una contrattazione sindacale, regole nuove e contratti specifici.”

“Su tutto cio’ l’assessore De Santis e’ stato troppo vago e lascia intravedere serie difficolta’ nell’affrontare la prossima fase che sara’ la piu’ difficile dell’emergenza sanitaria. A fronte dei silenzi alle nostre domande e delle troppo incertezze sui numeri e sulla qualita’ delle prestazioni, abbiamo deciso di fare urgente accesso agli atti per conoscere i dati relativi all’applicazione e al reale coinvolgimento del personale capitolino nel lavoro agile”. Cosi’ in una nota il gruppo capitolino del Pd.