Pd: per gli anziani estate senza servizi

Roma – “Roma Capitale scarica sui Municipi e sui Presidenti dei Centri Anziani l’apertura degli stessi, parimenti ritarda e si giustifica sulla totale assenza di attivita’ alternative. In ritardo anche il Piano caldo. Mentre nel resto d’Italia riaprono i circoli ricreativi e si permette anche il gioco delle carte, a Roma si ferma tutto e non si danno alternative alla Terza eta’.”

“Bene hanno fatto quindi i presidenti dei centri anziani ad esprimere le loro legittime preoccupazioni su una responsabilita’ che obiettivamente non puo’ essere loro scaricata addosso. Impossibile anche immaginare che, a fronte di una chiusura dei Centri Anziani decisa dal Campidoglio fino al 30 settembre prossimo, siano i Municipi a doversi attivare senza risorse e senza alcuna garanzia di responsabilita’ condivisa con Roma Capitale.”

“Il ritardo poi sull’attivazione del Piano Caldo con temperature che da settimane superano i 30 gradi e la totale assenza di attivita’ alternative all’aperto promosse da Roma Capitale completano un quadro che rimarca la scarsa sensibilita’ politica di questa Amministrazione verso la Terza eta’ della nostra citta’”. Cosi’ in una nota Erica Battaglia della Direzione regionale del Pd, il consigliere comunale Dem Giovanni Zannola, l’assessora alle Politiche Sociali del Municipio VIII Alessandra Aluigi, i consiglieri municipali Caterina Boca del II, Sara Alonzi del III, Maura Lostia del IV, Gianfranco Gasparutto del VI, Claudia Pappata’ del IX, Daniela Cirulli dell’XI, Valerio Barletta del XIV e Agnese Rollo del XV.