Quantcast

Pelonzi-Piccolo: Termini-Giardinetti linea importante, usare fondi Mit

Roma – “Recuperare la storica ferrovia Roma-Giardinetti e trasformarla in una tranvia veloce che unisca la stazione Termini al quartiere e all’universita’ di Tor Vergata e’ un progetto importante che attende da anni di vedere la luce. Ora i fondi ci sono, il MIT ha stanziato 213 milioni e si realizzano quindi le condizioni per un asse infrastrutturale strategico per la mobilita’ pubblica.”

“Anche per le manutenzioni delle metro A e B l’ex ministro Delrio e il MIT erano riuscito a stanziare per Roma 425 milioni, spesi in minima parte per assenza di convenzioni e progetti. Sappiamo tutti poi come e’ finita: la stazione Barberini chiusa per oltre un anno e prolungate chiusure hanno interessato le stazioni di Repubblica, Spagna, Cornelia e Baldo degli Ubaldi. Tutt’ora si registrano disservizi tecnici, stop delle corse e impianti di risalita fermi.”

“Al di la’ delle forzature lessicali, operate dalla sindaca Raggi per la definizione di un’opera, ideata gia’ da 20 anni, quello che manca sono i progetti, con il rischio reale che i finanziamenti per 213 milioni predisposti dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti possano fare la fine di quelli dell’ex ministro Delrio. Forse e’ bene per la sindaca ricordare che ci sono i 100 milioni bloccati in Regione per il prolungamento della metro B a Casal Monastero, che ci sono voluti 6 mesi per fare una ratifica della delibera Cipe per i 100m della metro C, i tempi infiniti per l’adeguamento della Tiburtina e che in 4anni la sindaca Raggi non ha ‘piantato’ neanche una gru per opere pubbliche in questa citta’. Come e’ accaduto ancora oggi ci ha solo subissato di post inneggianti a storici provvedimenti privi di ogni fondamento.”

“Quella linea G gia’ immaginata dalla giunta Veltroni potrebbe diventare fondamentale per il quadrante est della citta’ solo se si concretizzeranno nelle prossime settimane quelle azioni propedeutiche al progetto esecutivo e all’assegnazione degli appalti. Coniare nuove denominazioni per una infrastruttura e’ un semplice esercizio di fantasia, aprire i cantieri, come dimostrano le mancate manutenzioni delle metro A e B gia’ in attivita’ e’ ben altra cosa”. Cosi’ in un comunicato il capogruppo del Pd capitolino, Giulio Pelonzi, e la consigliera dem, Ilaria Piccolo.