Pelonzi-Tempesta: ecatombe per cultura, Bergamo si deve dare da fare

Roma – “L’emergenza Covid-19 sta mettendo in ginocchio uno dei settori piu’ importanti della Capitale e ci dispiace constatare che l’amministrazione Raggi non sta facendo nulla per tutelare spazi culturali, teatri, cinema, imprese e addetti ai lavori. E nemmeno i numerosi appelli lanciati in questi giorni hanno trovato ascolto in un amministrazione sorda e indolente”. Lo dichiarano in una nota congiunta Giulio Pelonzi, capogruppo Pd in Campidoglio e Giulia Tempesta, consigliera del Partito democratico di Roma Capitale.

“Chiediamo al vicesindaco Bergamo- aggiungono Pelonzi e Tempesta- di istituire al piu’ presto un tavolo di confronto tra amministrazione capitolina, le associazioni, le rappresentanze di categoria del mondo della cultura e le imprese dell’indotto, per ascoltare il grido di aiuto di questo settore, da sempre fiore all’occhiello della citta’. Chiediamo, infine, che venga predisposto un fondo specifico destinato alle attivita’ culturali che possa essere di aiuto per far ripartire un intero comparto in difficolta’.”

“La produzione e i servizi legati allo spettacolo dal vivo, alle arti visive, al cinema, all’editoria, ai musei, alle biblioteche e agli archivi, all’offerta di esperienze culturali in generale, si regge su lavoratori che hanno poche garanzie e che, in un momento come quello che stiamo vivendo, stanno rischiando di perdere tutto. Queste persone- concludono Pelonzi e Tempesta- non vanno lasciate sole. La sindaca Raggi si dia da fare. Non ci si puo’ ricordare della cultura soltanto quando c’e’ un nastro da tagliare o una passerella da calcare”.