Quantcast

Piazza Navona, le fontane tornano a splendere

Roma – Da oggi tornano a nuovo splendore le fontane di Piazza Navona. Ultimati gli interventi conservativi sulla Fontana dei Quattro Fiumi e sulle fontane del Nettuno e del Moro, da questa mattina le fontane vengono riattivate e vengono riconsegnate alla cittadinanza in tutta la loro bellezza. Lo scrive in una nota il Comune di Roma.

Le operazioni di manutenzione straordinaria e ordinaria sono state accompagnate dal monitoraggio dello stato conservativo delle superfici, effettuato mediante piattaforma aerea. Le analisi visive e la dettagliata documentazione fotografica fornira’ i dati utili per programmare modalita’ e costi dei necessari interventi di restauro, da realizzare e programmare entro i prossimi cinque anni.

“Ringrazio la Sovrintendenza capitolina che prosegue la manutenzione dei nostri beni e sono molto contenta che siano tornate in funzione, dopo i lavori, le nostre meravigliose fontane di Piazza Navona, uno dei luoghi del mio cuore in citta’. Ringrazio anche ACEA. Prendersi cura dei nostri monumenti vuol dire curare il benessere di chi vive a Roma, continuiamo a lavorare per la nostra citta’ senza fermarci”, cosi’ la Sindaca di Roma Virginia Raggi.

Gli interventi di manutenzione di tutte le fontane sono consistiti nella disinfezione e nel lavaggio di tutte le superfici lapidee, nel diserbo delle piante infestanti, nel trattamento degli elementi metallici e nel rifacimento di molte stuccature a sigillatura dei blocchi e delle mancanze di materiale.

L’operazione piu’ delicata e’ stata quella di riadesione e consolidamento delle parti distaccate e in fase di distacco, individuate nel corso del monitoraggio, della Fontana dei Quattro Fiumi.

Infatti oltre alle porzioni della mandibola del leone sul lato Est, distaccatisi nell’agosto scorso, sono state riposizionate parti della ghirlanda e del piede destro del fiume Gange, e alcune dita della mano sinistra del Rio della Plata. Ulteriori adesioni sono state eseguite sulle zampe del cavallo marino posto lato sud della fontana del Nettuno.