RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Piccolo-Lamparelli: nuovo stop rimozione auto danno economico romani

Roma – “Da tre anni Roma e’ senza servizio di rimozione autoveicoli. Dopo la quarta promessa di gara entro giugno 2018 ecco l’ennesimo flop: il bando e’ da rifare. Noi come gruppo Pd abbiamo piu’ volte segnalato in sede di commissione mobilita’ anomalie, incertezze, l’assenza di un riferimento all’applicazione delle ganasce immobilizzatrici e soprattutto l’assenza di salvaguardia del posto di lavoro per gli addetti gia’ operanti nel servizio rimozioni”.

“I tre anni di blocco del servizio hanno prodotto piu’ soste in doppia fila e il fastidioso fenomeno dei parcheggiatori abusivi. Nel mese di novembre il presidente della commissione Mobilita’ Enrico Stefa’no prometteva che entro la fine del 2017 sarebbe stata espletata la gara. Siamo a meta’ 2018 e con molta probabilita’ ci vorra’ ancora un anno prima che il servizio venga affidato di nuovo. Con il servizio rimozioni ancora al palo il comune perde entrate economiche consistenti perche’ costretto ad utilizzare un intervento a domanda piu’ oneroso e meno efficiente di quello in appalto”. Cosi’ in una nota la consigliera del Pd capitolino Ilaria Piccolo e il responsabile Trasporto Pd Roma, Rocco Lamparelli .

“La piaga della sosta selvaggia- proseguono i due esponenti dem- che a Roma fino a qualche anno fa era in via d’estinzione a ripreso vigore grazie all’immobilismo e alle inadempienze della giunta Raggi. E’ incomprensibile come in cosi’ tanto tempo l’amministrazione capitolina non sia ancora riuscita a ripristinare il servizio rimozioni. Agli annunci ad effetto sulla ‘tolleranza zero’ messa in atto dall’assessore Meleo e dal presidente della commissione mobilita’ Stefano non sono seguiti atti concreti e ‘parcheggio selvaggio’ ha conquistato ulteriori spazi di citta’: dalle isole pedonali ai marciapiedi, dalle soste vietate ad ampie porzioni di carreggiate utilizzate per le doppie file”.

“I bandi, sono una cosa difficile da fare ma, per la giunta Raggi, sembrano proprio impossibili, viste anche le frequenti bocciature ricevute. Chiediamo al presidente Stefa’no di convocare con urgenza una nuova commissione mobilita’ chiamando in audizione l’assessore Meleo per riferire sui motivi dell’ennesimo rinvio e sui nuovi termini del bando di gara per il servizio di rimozione”.