Politi: segnale di unità con delibera per vittime violenza

Roma – “La delibera aperta a ogni sottoscrizione e a parti emendative ha un dispositivo semplice: un fondo ad hoc da incrementare per le donne vittime di violenza e i loro figli. Sappiamo che Roma Capitale ha gia’ dei fondi e ha fatto sforzi giganteschi, la delibera oltre a chiederne maggiori vuole sensibilizzare l’Assemblea Capitolina e dare un segnale di unita’ politica su un tema che sconta ancora difficolta’, anche se la Sindaca Raggi e la maggioranza e’ in prima linea”.

A presentare quest’iniziativa per l’Istituzione di un fondo specifico nel bilancio di previsione per sostenere azioni e misure nei confronti delle donne residenti nella citta’ di Roma e dei loro figli vittime di maltrattamenti, violenza o di tentata violenza’ e’ stato il consigliere capitolino della Lega, Maurizio Politi, firmatario della proposta insieme al collega di partito Davide Bordoni.

Sul tema della violenza di genere il consigliere proponente, anche al fine di contestualizzare la proposta politica, ha sottolineato come per intervenire su questo fenomeno siano necessarie “competenze a cavallo tra vari enti istituzionali. I posti a Roma sono pochissimi- ha ricordato- e c’e’ poi la questione del reinserimento lavorativo per uscire dall’assistenza che non puo’ durare per sempre.”

“A breve- ha aggiunto- avremo un assestamento di bilancio e sarei contento se approvassimo questa delibera”. Per entrare nel merito della proposta avanzata l’intervento del consigliere Dem Giovanni Zannola e’ servito a chiarire che nella parte del testo in cui si parla di “residenti” , si intende “chiunque si rivolga a Roma, residente senza scopo ideologico”, ha ribadito Politi.

“Questa delibera- ha esplicitato Maria Gabriella Salatini del Dipartimento Comunicazione e Pari Opportunita’ chiedendo ulteriori dettagli sulla “finalizzazione dei fondi” al consigliere Politi – puo’ essere collocata come misura di integrazione nel percorso di autonomia economica e per dare maggiore opportunita’ di lavoro, coinvolgendo quindi la struttura che si occupa di questo. Non ci tiriamo indietro su nuovi fondi, anche se il vero problema che abbiamo- ha sottolineato- e’ il reperimento degli alloggi”.

Salatini ha ricordato infatti che “il Comune di Roma per il 2021 ha stanziato 3milioni e 900mila di fondi per strutture abitative e attivita’ per il recupero. Sono fondi ordinari, europei e una parte che viene girata dalla Regione dal Fondo nazionale donne vittime violenza. Manteniamo le strutture esistenti e vogliamo aprirne di nuove, abbiamo comunque raddoppiato l’offerta dei posti letto del passato”.

In merito a un passaggio in commissione pari opportunita’, questione posta anche dal consigliere Francesco Figliomeni, nel corso della seduta, Gemma Guerrini, presidente della Commissione pari opportunita’ ha annunciato che “si valutera’ questo passaggio”.