RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Polverini: “San Raffaele, nessun licenziamento. Santa Lucia, l’augurio è che si risolva nella stessa maniera”

Più informazioni su

«Abbiamo raggiunto questa notte un accordo soddisfacente con tutti. Nessun licenziamento. Le 3.171 lettere di licenziamento saranno revocate, i 2mila posti letto saranno salvati e alcuni rimodulati e oltre 100 contenziosi saranno risolti in via transattiva grazie all’impegno degli amministratori del Gruppo San Raffaele e grazie a tutti coloro che per 70 giorni e 70 notti non si sono mai distratti». È quanto ha detto il presidente della Regione Lazio, Renata Polverini presentando l’accordo raggiunto nella notte tra la regione e il gruppo San Raffaele. Polverini ha illustrato i termini dell’accordo in una conferenza stampa nella sala Tevere alla quale hanno preso parte i vertici del gruppo, che fa capo all’imprenditore Angelucci, tra i quali il presidente del Gruppo San Raffaele Spa Carlo Trivelli. Al termine della conferenza a cui hanno assistito anche un gruppo di lavoratori che hanno applaudito la fine del contenzioso e alcuni esponenti di associazioni di pazienti, Polverini ha affermato: «L’accordo lo abbiamo raggiunto anche grazie allo stimolo arrivato dai comitati che sono nati spontaneamente sia a tutela dei lavoratori che dei pazienti». Per quanto riguarda i tempi della trattativa Polverini ha sottolineato: «In 70 giorni di vertenza abbiamo cercato di guardare caso per caso quindi pensiamo che l’accordo, che in queste ore si sta scrivendo, sia soddisfacente ma è evidente che se c’è bisogno di piccole modifiche saranno fatte. L’accordo di massima è stato fatto: la regione ha dato fiducia al gruppo e il gruppo ha dato fiducia alla regione». Alcune delle novità dell’accordo prevedono come spiega Polverini: «un nuovo centro a Montecompatri e verrà esteso il riconoscimento a Irccs a Cassino mentre in alcune realtà, non solo viene mantenuto il livello delle prestazioni, ma aumentato». Una vera e propria fetta del piano di riordino della rete ospedaliera che investe 8 strutture del San Raffaele del Lazio, operanti in 5 Asl: Irccs Pisana, Cassino, Montecompatri, Villa dei Fiori, Rocca di Papa, Nomentana, Portuense e Velletri. La struttura di Montecompatri invece acquisirà parte delle attività di Velletri e Cassino diventerà Irccs.

«Ci auguriamo che anche il Santa Lucia, come abbiamo fatto con gli amministratori del San Raffaele, voglia condurre una trattativa serrata perché quando c’è buona volontà da entrambe le parti, come abbiamo visto, le cose si risolvono». Lo ha affermato il presidente della Regione Lazio Renata Polverini in merito alle sorti dell’Istituto di riabilitazione del Santa Lucia al termine di una conferenza stampa durante la quale è stato presentato l’accordo raggiunto nella notte tra la regione Lazio e il gruppo San Raffaele.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RomaDailyNews, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.