Porrello: Civitavecchia ostaggio di fumo ciminiere navi ancorate al porto

Roma – “Le crociere sono ferme e i traghetti meno frequentati, ma Civitavecchia è ancora ostaggio dei fumi delle navi ancorate in porto. La strada da percorrere, oltre quella dei controlli e delle sanzioni verso chi deliberatamente avvelena una città, è solo una: Civitavecchia deve diventare il porto delle navi ad idrogeno, sviluppando le infrastrutture e formando il personale per questo ormai inevitabile salto tecnologico. Si va verso una rivoluzione dei trasporti e Civitavecchia non può arrivare sempre in ritardo agli appuntamenti, con conseguenze letali per la popolazione e l’economia.” Lo dichiara Devid Porrello, Consigliere M5S Lazio e Vicepresidente del Consiglio Regionale.