Quantcast

Porrello-Marcelli: ok mozione per treni a idrogeno

Roma – “La Regione Lazio interloquirà con il Tavolo di Coordinamento, istituito presso la Direzione Generale per il trasporto e le infrastrutture ferroviarie del Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili, affinché la tratta ferroviaria Cassino-Sora-Avezzano venga inserita nella lista delle linee potenzialmente suscettibili di conversione alla trazione ferroviaria a idrogeno”.

E’ quanto scrivono i consiglieri del M5S alla Regione Lazio. Il Consiglio Regionale del Lazio, ha approvato all’unanimità, la Mozione presentata dal Capogruppo M5S Loreto Marcelli e dal vice-Presidente del Consiglio Regionale Devid Porrello, i quali da tempo stanno sostenendo l’importanza dell’utilizzo dell’idrogeno verde sulla rete ferroviaria della regione.

“L’utilizzo di fonti non inquinanti impone un cambio di passo anche nelle infrastrutture- ha dichiarato il capogruppo Marcelli- la nostra mozione va in questa direzione, per tutelare l’ambiente e dare una spinta alla decarbonizzazione.”

“Stiamo parlando di una linea ferroviaria importante, utilizzata ogni giorno da lavoratori e studenti e che attraversa paesi e territori di straordinaria bellezza, un patrimonio che va assolutamente salvaguardato.”

“Uno dei settori più coinvolti dalla rivoluzione a idrogeno è proprio quello dei trasporti, in particolare quello ferroviario, proprio perché questo tipo di energia garantisce zero emissioni di CO2. Una soluzione pulita e silenziosa che ci fa fare un passo in avanti verso il programma Next Generation EU”.

“L’obiettivo è convertire ad energia pulita quante più infrastrutture possibili- ha ribadito Devid Porrello- accelerando lo sviluppo di una mobilità green che vada, di pari passo, a beneficio dell’ambiente e dell’economia, col fine di raggiungere il traguardo, fissato al 2030, di riduzione dei gas serra. Il miglior modo di utilizzare i fondi europei del Piano di Ripresa e Resilienza è lasciare in eredità alle generazioni che verranno dopo di noi un sistema economico sostenibile”.