RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Positiva la missione in Cina della delegazione di Roma Capitale

Più informazioni su

Assessorato Sviluppo economico: positiva la missione in Cina della delegazione di Roma Capitale. Smart city, innovazione e tecnologia i temi trattati nell’ambito programma europeo International Urban Cooperation. Obiettivo, il miglioramento della qualità di vita nelle aree urbane.

Si è conclusa positivamente la missione in Cina della delegazione di Roma Capitale, selezionata unitamente ad altre sei “città pilota” europee nell’ambito del Programma Internazionale di Cooperazione Urbana.

Il progetto – promosso e supportato dalla Commissione Europea – è finalizzato a stabilire sinergie e partnership tra le maggiori città del mondo, che lavoreranno allo sviluppo di piani di azione locali sui temi di smart city, efficientamento energetico, innovazione e trasferimento tecnologico. Ma anche e-commerce, strategie di promozione turistica e politiche di perfezionamento dell’accoglienza dei flussi di visitatori nelle diverse metropoli.

Protagoniste di questo scambio sperimentale di know how, le tre città cinesi di Tianjin, Zhengzhou e Haikou, che si sono confrontate con Roma, Reggio Emilia, Nizza, Granada, Barnsley, Mannheim e Praga.

Sulla scìa del metodo già sperimentato con successo da Roma Capitale nel corso del “Programma Urbact – Rigenerazione Urbana”, i piani operativi condivisi con le città orientali seguiranno un processo inclusivo dei soggetti interessati, quali istituti di ricerca, imprese, istituzioni e comunità locali.

Scopo finale, il miglioramento della qualità di vita nelle aree urbane, come da obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite e dell’agenda urbana dell’Unione Europea.

“Lo spirito del confronto è sempre positivo. Diventa ancor più significativo in un momento come questo, in cui Roma Capitale, con l’aeroporto di Fiumicino, è diventata a pieno titolo gateway europeo per la Cina. I cinesi sono interessatissimi al brand Roma da ogni punto di vista: turistico, commerciale, tecnologico e imprenditoriale. Secondo La United Nation World Tourism Organization, entro il 2020 la Cina sarà il Paese con il maggior numero di turisti all’estero. Ciò che vogliamo, è che scelgano noi. Non solo: puntiamo a stimolare la domanda delle nostre eccellenze produttive attraverso i canali on line più fruiti del Paese. Importante anche l’attenzione riservata alla nostra avanguardia tecnologica in fatto di conservazione del patrimonio artistico-culturale e restauro. Tutti input che possono potenziare l’indotto economico locale e lo sviluppo cittadino” dichiara Carlo Cafarotti, Assessore allo Sviluppo economico, Turismo e Lavoro di Roma Capitale.

La visita della delegazione cinese a Roma è fissata per il prossimo autunno.

Più informazioni su