Quantcast

Presso Istituto Comprensivo via Micheli pericoli in rete si sconfiggono con l’educazione

Più informazioni su

Roma – I gravi episodi di bullismo tra i giovanissimi (e non solo) costituiscono un fenomeno per il quale non si è mai smesso di lottare, ma l’asticella della preoccupazione si alza notevolmente quando l’aggravante risiede nella ripresa di determinati casi e la loro successiva pubblicazione in rete all’interno dei canali social.

Così prende vita tra gli alunni dell’istituto comprensivo ‘Via Micheli’ di Roma, il progetto ‘Educazione alla legalità. I Minori e la Rete’ attraverso i rappresentanti del Corecom Lazio – nell’ambito dell’attività di Media Education – e con gli interventi di Emiliano Farascioni della Polizia Postale e Martina Colasante, public policy senior analyst di Google.

È una battaglia, questa, che vede vittime un gran numero di giovani e in merito alla quale si fa appello a tutte le istituzioni “affinché venga rafforzata la collaborazione tra scuola, famiglie, esperti informatici e psicologi- dichiara il presidente del Corecom Lazio Maria Cristina Cafini- per influire preventivamente e in modo correttivo sulla qualità dell’uso dei dispositivi digitali da parte dei minori sulla base del rispetto e dell’empatia per il prossimo”.

Tra benefici e rischi, l’essere costantemente connessi è, a tutti gli effetti, un’arma a doppio taglio, ma scavare a fondo nel cuore di queste problematiche sociali, oggigiorno amplificate dalla rete, non è impossibile.

I primi passi verso l’educazione digitale si compiono con la giusta dose di sensibilizzazione della tematica e un concreto insegnamento: “Non bisogna esitare a segnalare ad amici e insegnanti i comportamenti offensivi nei confronti di altri utenti della rete”, sottolinea Fabio Capolei, vicepresidente della Commissione Trasparenza della Regione Lazio.

In conclusione “è importante spiegare ai giovani e alle loro famiglie quali comportamenti adottare”, spiega Daniele Leodori, vicepresidente della Regione Lazio, auspicando come l’educazione digitale possa risultare salvagente indispensabile nel grande mare del World Wide Web.

Più informazioni su