RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Processo Cerciello, vedova e famiglia ammessi come parte civile

Roma – La vedova di Mario Cerciello Rega, il fratello del carabiniere ucciso e la madre, in rappresentanza della sorella minore di Cerciello, sono stati ammessi come parti civili nel processo iniziato oggi davanti alla Corte di Assise di Roma, per la morte del militare avvenuti la notte tra il 25 e il 26 luglio scorso. Ammessi come parti civili anche Andrea Varriale, il compagno Carabiniere di Cerciello, Sergio Brugiatelli, l’uomo a cui venne sottratto lo zaino per il cui tentato ‘cavallo di ritorno’ Cerciello entro’ in contatto con i due americani, i ministeri dell’Interno e della Difesa e l’Associazione vittime del dovere. La costituzione come parti civili e’ stata invece negata dalla Corte ad altre 5 associazioni.