Pugliese: erogati 106 contributi libertà

Roma – “Sono 106 le donne uscite dal tunnel della violenza che riceveranno dalla Regione Lazio il contributo di liberta’ di 5mila euro, parliamo quasi del 90% delle richieste. Aspettiamo ancora 45 domande, c’e’ tempo fino a fine anno. E’ un piccolo sostegno, sempre si puo’ fare di piu’, ma siamo vicini a queste 106 donne ed e’ importante.” E’ un successo e un segnale di speranza quello che descrive, in un’intervista all’agenzia Dire su centri antiviolenza e case rifugio, l’assessora alle Pari Opportunita’ della Regione Lazio, Giovanna Pugliese.

“Da giugno 2019 a marzo di quest’anno erano arrivate solo 10 domande” ed e’ a quel punto che l’assessora si rimette al lavoro sui testi delle determine per “estenderne i criteri. Innanzitutto aumentare il Fondo che ammonta ora a 750mila euro, ampliare termini e criteri di accesso e stabilire la tempistica di pagamento a 7 giorni”.

In questo ampliamento rientrano “le spese per i figli- ad esempio- con la didattica a distanza, quelle sanitarie” o il fatto che si possa fare domanda “anche presso associazioni non finanziate dalla Regione Lazio”. Si e’ arrivati cosi’ a “106 donne che avranno questo contributo. Solo 12 domande sono state escluse per ragioni legate principalmente all’accesso ad altri contributi”.

L’impegno confermato dall’assessora e’ di “prolungare al 31 dicembre il contributo di liberta’ e aumentare il Fondo generale”. Un ringraziamento speciale e’ stato rivolto dall’assessora al lavoro delle associazioni impegnate sul territorio, con l’appello affinche’ le donne inviino le domande per il contributo. Domani, sui canali Dire, andra’ in onda l’intervista integrale all’assessora Pugliese in cui si parlera’ di case rifugio, centro antiviolenza dedicato alla memoria di Donatella Colasanti e bonus vacanze per donne e bambini.