RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Pulcini illustra sistema raccolta differenziata porta a porta: eliminiamo cassonetti per strada

Roma – Dario Pulcini, Assessore alle Politiche Ambientali del V Municipio, è stato intervistato ieri pomeriggio (lunedì 30 settembre) ai microfoni di Radio Roma Capitale dal conduttore Jacopo Nassi. Nel corso dell’intervento Pulcini ha ricordato l’appuntamento di oggi pomeriggio, alle ore 18, presso la sede municipale di via di Torre Annunziata, nel corso del quale sarà illustrato il sistema di raccolta differenziata porta a porta ai cittadini dei Villini del Pigneto. In questa zona, infatti, partirà per primo il nuovo modello di raccolta che poi si estenderà anche nelle altre zone del Municipio quali Certosa, Villini Santa Maria, Quadraro Vecchio e La Rustica.

L’Assessore Pulcini ha dichiarato:  “Inizieremo a comunicare il nuovo modello di raccolta che sarà una raccolta porta a porta al 100% dato che verranno dati dei cestini, per le diverse frazioni, ad ogni residente. Ci saranno dei giorni e orari in cui questi cestini saranno esposti per il ritiro. In questo modo riusciremo a togliere i cassonetti per strada che ricordiamo essere una delle cause del degrado che vediamo sui marciapiedi (dal momento che alcune persone non sono civili e tendono a buttare i rifiuti per terra). Avremo una raccolta differenziata di alta qualità: le diverse frazioni di raccolta hanno un prezzo al quale possono essere vendute in funzione della qualità dei rifiuti. Meno è contaminato il materiale e più viene pagato a tonnellate il materiale raccolto alla municipalizzata dai concorsi di recupero e riciclo. L’obiettivo è quindi quello di andare ad incrementare anche l’economia circolare e far sopravvivere l’ecosistema”.

Pulcini ha poi concluso dicendo: “Il servizio partirà dai villini del Pigneto per poi estendersi ad altri quartieri. Queste prime aree sono state individuate per certe caratteristiche urbanistiche. Il nuovo sistema di raccolta prevede tre tipologie: questa con i cestini è la prima, poi ci saranno le domus ecologiche e poi dei cassonetti tecnologici posizionati in strade con diversa caratterizzazione urbanistica”.