RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Pulcini su Parco Centocelle: impegno non facile che stiamo vincendo con impegno

Parco Archeologico Centocelle, Pulcini: battaglia non facile che stiamo vincendo con impegno e determinazione

Roma – “Anno nuovo, vecchie precisazioni…
Ebbene sì, l’anno è da poco iniziato e mi ritrovo già a dover dare spiegazioni su una questione che, a livello municipale e comunale, stiamo seguendo con attenzione e impegno dall’inizio del mandato”.

Queste le parole dell’Assessore alle Politiche Ambientali del V Municipio, Dario Pulcini, che replica sul suo profilo ad un pezzo scritto su Romatoday sul Parco Archeologico di Centocelle, per correggere e rettificare alcune imprecisioni scritte. L’articolo diceva che il Movimento Cinque Stelle ha cancellato dal bilancio 2 milioni e mezzo per l’area, parlava di opere saltate e di un’amministrazione ferma.

Ecco le dichiarazioni dell’Assessore: “Bisogna fare alcune precisazioni: è stato scritto che non è stato finanziato l’importo di 2 milioni e mezzo di euro per la realizzazione del Centro espositivo per i resti archeologici presenti nel parco. Detto così può sembrare che il progetto di musealizzazione delle ville romane sia stato completamente accantonato dall’amministrazione.

Non è cosi: delle due gare per le indagini conoscitive, la progettazione e realizzazione del centro espositivo avviate nel 2019, una si è conclusa e l’altra è in procinto di chiudersi. Proprio a dicembre scorso si è tornati a parlare della Commissione giudicatrice per la valutazione delle offerte tecniche ed economiche riguardanti l’appalto relativo a: Parco di Centocelle valorizzazione delle ville romane. Per quanto riguarda, invece, la gara sulle indagini conoscitive, scavi e sondaggi archeologici è stata già aggiudicata ad agosto scorso”.

Pulcini ha poi replicato all’espressione “anno zero”: “Non solo. Nell’articolo, si parla di “anno zero” per il Parco. Come si può parlare di anno zero quando abbiamo già effettuato molti interventi? Abbiamo rimosso i rifiuti presenti con un grande intervento extra TARI con AMA dal costo di circa 170.000 euro e, soprattutto, abbiamo risolto il problema della presenza degli autodemolitori non dando proroga alle licenze, per incompatibilità delle attività con l’area. Ricordo che gli auto demolitori non erano in regola e, su questo aspetto, il TAR del Lazio ci ha dato ragione rigettando anche recentemente il ricorso degli operatori contro il nostro provvedimento di diniego di proroga.

Non solo, abbiamo demolito e abbiamo sequestratato penalmente, con la Polizia Locale, diversi abusi edilizi presenti nell’area e affidato ai servizi sociali oltre 50 persone insediatesi abusivamente.

Siamo intervenuti quindi attivamente, prima di tutto, per ripristinare il decoro, richiesto a più voci da anni. Voglio ricordare che siamo stati noi a chiedere a CNR e ARPA Lazio di fare delle analisi del suolo e sottosuolo e proprio un mese fa sono stati illustrati in consiglio i risultati di queste indagini: al di là degli allarmismi paventati in maniera propagandistica, non risultano per ora particolari pericoli per l’area”.

Tornando alla questione fondi programmati, Pulcini rassicura: “Proprio per il 2020 abbiamo riconfermato lo stanziamento di 2milioni e 600mila euro per il secondo stralcio dei lavori, quindi ettari di parco che verranno riqualificati e aperti alla cittadinanza. Non abbiamo smesso, quindi, di investire su quello che riteniamo un polmone verde importantissimo per il Municipio e per la città.

Vogliamo e stiamo riqualificando l’area sotto vari e molteplici aspetti con un lavoro in sinergia fra amministrazione locale e capitolina, con un continuo e reciproco confronto, aiuto e condivisione con la presidente della commissione Cultura Eleonora Guadagno.
Stiamo liberando il Parco di Centocelle dagli abusi e l’incuria che per decenni ha subito: questi sono i fatti concreti. È una battaglia tutt’altro che conclusa e tutt’altro che facile. ma il nostro impegno e la nostra determinazione sono sempre ai massimi livelli a tutela dell’ambiente e dei cittadini”.