Quantcast

R.Mussolini: nessun aventi diritto venga escluso dal contributo

Roma – “In questi giorni il Comune di Roma ha aggiornato i dati relativi ai cittadini con disabilita’ gravissima. Sono 3166 quelli che hanno presentato istanza nel 2020 per ottenere l’erogazione del beneficio economico, contributo/assegno per il caregiver o per l’assistenza specialistica.”

“Abbiamo assistito, in piena pandemia, e quindi in piena crisi socio-sanitaria, ad un rimpallo di responsabilita’ tra l’amministrazione comunale e la Regione Lazio per integrare le somme necessarie a copertura. Una disputa tra “compari”, tra i Cinque Stelle e il Pd di Zingaretti.”

“Un confronto al ribasso a danno dei piu’ fragili. Ad oggi sembrerebbe, infatti, che potrebbero restare fuori, con le somme messe a disposizione, circa 1.000 famiglie. Addirittura c’e’ chi paventa un ricalcolo al ribasso.”

“Tutto questo e’, a dir poco, inaccettabile. Assistiamo in queste settimane ad un continuo sperpero di soldi pubblici, tra l’amministrazione capitolina, che diminuisce le risorse sul sociale, e la Regione Lazio, che butta milioni di euro per le mascherine fantasma.”

“Eppure Pd e 5 Stelle sarebbero pronti a governare Roma? Siamo ormai di fronte alla fine di una saga fallimentare della politica del cambiamento. Restano solo macerie.”

“Oggi stesso ho presentato una interrogazione urgente al Sindaco per avere certezze affinche’ nessuno, tra gli aventi titolo dei disabili gravissimi, resti escluso dal contributo/assegno. Si fermi la funivia, si blocchino le piste ciclabili, si taglino le assunzioni esterne nella segreteria del Sindaco.”

“Non c’e’ altro di piu’ importante, che assistere i bisogni dei cittadini, soprattutto oggi in questa fase di crisi perdurante. A mandarvi a casa, nell’oblio degli inconcludenti, ci penseranno i romani tra qualche mese”. Cosi’, in una nota, Rachele Mussolini, Consigliere Comunale della Lista Civica “Con Giorgia” e vicepresidente della Commissione Controllo, Garanzia e Trasparenza di Roma Capitale.