Raggi: Roma non ancora smart city, percorso avviato ma ancora lungo

Più informazioni su

Roma – Questo quanto detto dalla sindaca di Roma, Virginia Raggi, intervenuta all’iniziativa Next Generation organizzata al Talent Garden di Ostiense: “Se pensiamo ad una smart city come ad una citta’ del futuro dove tutto e’ raggiungibile tramite la tecnologia non ci siamo a Roma forse come in nessuna altra citta’.”

“Da quando ci siamo insediati abbiamo rinnovato il portale on line mettendo tanti servizi in piu’ per i cittadini e avviato un progetto di alfabetizzazione informatica chiamati ‘punti Roma facile’, aperti nelle biblioteche dove si fanno i certificati e soprattutto nei centro anziani”.

“Quando e’ arrivata la pandemia- ha aggiunto- la risposta digitale e’ sembrata l’unica possibile. Non potendo stare in ufficio, tutte le citta’ si sono trovate a fare i conti con uno smart working previsto per norma ma mai attuato. Il percorso e’ stato avviato ma c’e’ ancora molta strada da fare e probabilmente aver attuato immediatamente tanti servizi ci ha fatto capire anche la necessita’ di modifiche normative”.

In questo senso, secondo Raggi, “agli enti locali devono essere dati piu’ poteri e vanno semplificate molte norme, altrimenti ci siamo tutti resi conto di come sia stato difficile tenere il passo con una serie di progettualita’ perche’ la pandemia correva piu’ veloce. Quindi: semplificazione normativa, sburocratizzazione e digitalizzazione, oltre a piu’ poteri per la Capitale, perche’ essendo molto vasta dobbiamo arrivare a milioni di cittadini e farlo immediatamente”.

Più informazioni su