Quantcast

Raggi: vicina ad Aurora Leone, basta al sessismo

Roma – “Quello che è successo ad Aurora Leone, dei the JackaL, ha dell’incredibile: durante la cena ufficiale alla vigilia della Partita del Cuore, è stata invitata ad alzarsi e ad andarsene dal tavolo della squadra perché donna. Aurora in realtà era stata convocata per giocare. Ma le è stato detto che il completino avrebbe potuto indossarlo direttamente in tribuna.”

“Episodi del genere continuano a verificarsi, ed è sconfortante perché si vanificano tante conquiste e tanti progressi compiuti finora. Fatti come quelli capitati ad Aurora accadono nonostante tutto l’impegno e gli enormi successi ottenuti proprio dalle donne nello sport.”

“Tra i più recenti, mi vengono in mente la storica promozione in Serie A1 delle atlete dell’Acqua & Sapone Roma Volley Club che ho avuto il grandissimo piacere di incontrare personalmente proprio qualche settimana fa, oppure la grandiosa avventura della Nazionale femminile ai Mondiali di calcio nel 2019, arrivate fino ai quarti di finale.”

“Potrei elencarvi tantissime altre eccellenze sportive femminili. Perché sono tante e importanti. Evidentemente tutto questo non è ancora abbastanza per far cambiare mentalità e significa anche che c’è ancora molta strada da fare e tanto su cui lavorare.”

“Esprimo la mia solidarietà ad Aurora e, come fortunatamente tante altre persone, desidero davvero che su questa vicenda ci si concentri affinché episodi di sessismo come quello accaduto ieri non si verifichino mai più”. Così in un post su Facebook la sindaca di Roma Virginia Raggi.