RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Regione Lazio, borse di studio per 11mila studenti

Roma – Sono 11.365 i vincitori delle borse di studio assegnate dalla Regione Lazio, tramite l’Ente regionale per il diritto allo studio e alla conoscenza Disco, per l’anno accademico 2019-2020. Rispetto allo scorso anno, sono 1.174 in piu’ gli studenti dichiarati vincitori. Si tratta, comunque, di una prima tranche di assegnazioni e nelle prossime settimane ne seguiranno delle altre. Lo scorrimento della graduatoria degli aventi diritto sara’ possibile grazie a nuovi fondi assegnati dal Miur nell’ambito del Fondo Integrativo Statale. E anche grazie ad altre risorse regionali potranno dare risposta a tutti gli aventi diritto, che per l’anno accademico appena iniziato sono 24.590, il 6% in piu’ rispetto allo scorso anno. Le borse riguardano diversi benefici e servizi: contributi per la frequenza ai corsi di laurea, per la mobilita’ internazionale, posti alloggio e premi di laurea. Per la frequenza ai corsi gli importi variano dai 1.900 euro fino ai 5.300 euro per i fuori sede, mentre per gli alloggi, l’offerta nelle residenze universitarie e’ di circa 2.560 posti letto.

Per l’assessore della Regione Lazio al Lavoro, Scuola, Formazione e diritto allo studio universitario Claudio Di Berardino: “Anche quest’anno la Regione Lazio e Disco aumentano le borse di studio e i servizi per gli studenti universitari e garantiscono con i fatti il diritto allo studio. La scuola e l’universita’ sono le prime politiche attive del lavoro e con convinzione continuiamo a investire importanti risorse in questi ambiti, tanto da essere tra le regioni con il piu’ alto numero di borse assegnate”. Per il presidente di Disco Alessio Pontillo: “Cresce la platea, e anche la volonta’ di moltiplicare le risorse a disposizione in un ambito per noi fondamentale. Cio’ e’ possibile grazie all’utilizzo di stanziamenti nazionali, regionali e l’impiego virtuoso di risorse comunitarie. Coloro che oggi si troveranno nella condizione temporanea di idoneo non beneficiario, figura di fatto abolita nella Regione Lazio ormai gia’ da sei anni, non dovranno percio’ assolutamente scoraggiarsi. Disco mettera’ infatti in campo tutti gli strumenti a disposizione per procedere nel piu’ breve tempo possibile al pagamento di tutti gli aventi diritto”.