RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Regione Lazio: emergenze socio-assistenziali, 1 milioni per Comuni piccoli

Più informazioni su

Roma – In arrivo dalla Regione Lazio 1 milione di euro per le emergenze socio-assistenziali a favore dei piccoli Comuni. Le risorse sono riservate a finanziare interventi che rientrano nei livelli essenziali delle prestazioni in ambito locale, previsti nei piani di zona. Beneficiari della misura sono gli enti sotto i 2mila abitanti che, in base ai dati Istat, nel Lazio ammontano a 162: ad ognuno e’ stata assegnata una quota fissa di 2 mila euro e una variabile in base alla popolazione residente.

Le risorse stanziate serviranno per azioni quali l’inserimento in strutture residenziali di soggetti minori, di persone con handicap gravi, non autosufficienti o anziani; il sostegno nei confronti di famiglie in grave situazione di disagio; la tutela della gravidanza e della salute del minore.

“La giunta Zingaretti- commenta l’assessore alle Politiche sociali, Welfare ed Enti locali, Alessandra Troncarelli- si e’ sempre contraddistinta per l’attenzione e la vicinanza ai piccoli Comuni. A garanzia di interventi puntuali ed efficaci, l’ascolto dei territori e’ una priorita’ della Regione Lazio. Questo stanziamento e’ da inserire proprio nel contesto piu’ ampio delle politiche in favore delle zone meno popolose allo scopo di mettere in campo azioni finanziarie dall’ampio respiro sociale. L’obiettivo e’ quello di adottare progetti incisivi tesi a limitare il disagio e la fragilita’ delle persone”.

La misura, dopo uno stop di alcuni anni, e’ stata reintrodotta nel 2018. Visto il successo riscontrato, e’ stata quindi riproposta. “Un aiuto concreto- conclude l’assessore Troncarelli- per venire incontro ai piccoli Comuni, quelli che hanno maggiormente sofferto la stagione dei tagli e dove garantire i servizi diventa spesso molto difficile. Quello della Regione Lazio e’ un vero e proprio investimento sul futuro delle comunita’ locali per invertire la tendenza allo spopolamento e far si’ che tutti i nuclei familiari trovino sul territorio risposte adeguate alle loro esigenze”.

 

Più informazioni su