Regione Lazio, fondo antiusura da 4.4 mln

Più informazioni su

Roma – Il Lazio contro l’usura, con un fondo unico di contrasto da 4,4 milioni di euro. Il presidente della Regione, Nicola Zingaretti, il presidente dell’Osservatorio regionale Legalita’ e Sicurezza, Gianpiero Cioffredi, e il presidente della I commissione del Consiglio regionale del Lazio, Rodolfo Lena, hanno presentato questo strumento articolato in sei azioni cardine.

La prima, da 900mila euro, e’ rivolta alle vittime di usura e ai soggetti sovraindebitati a causa della pandemia e prevede un contributo fino a 5mila euro per le spese ordinarie e di sussistenza. Poi ci sono 1,6 milioni di euro di sostegno a persone sovraindebitate e di prevenzione all’usura. Questa somma prevede garanzie per prestiti bancari fino a 50mila euro.

“In passato avevamo un dato di solvibilita’ di prestiti delle famiglie sovraindebitate che arrivava all’80%- ha ricordato Cioffredi- E’ il dato piu’ alto in Italia, questo significa che quando alle persone in difficolta’ viene data fiducia, questa viene ripagata”. C’e’ una terza misura da 770mila euro e riguarda i sussidi alle persone che denunciano gli usurai.

La Regione, in sostanza, riconosce in questo modo un indennizzo da 5mila a 20mila euro a fondo perduto (in base alla condizione sociale della vittima) alle persone fisiche e alle pmi vittime di usura, e che risultino tali dalla certificazione dell’autorita’ giudiziaria.

Queste tre misure saranno gestite dalle associazioni e dalle fondazioni (alle quali dovranno rivolgersi le vittime che intendono richiedere gli indennizzi) iscritte sia all’albo regionale che a quello del ministero dell’Economia.

Si tratta della Fondazione della Caritas diocesana di Roma “Salus Populi Romani”, la Fondazione della Diocesi del sud pontino “Magnificat”, la Fondazione Wanda Vecchi, la Fondazione Adventum, l’Ambulatorio Antisura e l’Associazione Baccarato. A queste associazioni fa riferimento la rete degli sportelli Antisura del Lazio.

Fanno parte del Fondo anche 30mila euro per il sostegno psicologico alle vittime, 650mila euro (sia per le vittime di usura che per le famiglie sovraindebitate) che riguardano l’assistenza legale e la consulenza aziendale per mettere assieme i debiti contratti con i vari istituti e infine 450mila euro di contributo alle 27 associazioni della rete degli sportelli antiusura.

“Dobbiamo distruggere quello che puo’ essere rappresentato quasi come un welfare mafioso di prossimita’ che, a differenza del welfare legale che tira fuori gli individui dalla disperazione, porta le famiglie alla rovina e alla disperazione, spesso nel silenzio- ha detto il presidente Zingaretti- Lo Stato non solo e’ attivo nella repressione ma anche per evitare la solitudine. Combattere l’usura, le mafie e i poteri criminali e’ parte integrante dell’impegno contro il Covid e gli effetti socio-economici che questa emergenza porta con se’, perche’ un’economia legale fragile significa il rischio di un’economia criminale forte”.

Il governatore del Lazio ha sottolineato che “non vogliamo lasciare soli di fronte alle proprie condizioni le famiglie, gli imprenditori, i commercianti, i proprietari di ristoranti e bar e tutte quelle categorie che sono esposte molto piu’ di prima dell’inizio della pandemia al rischio di essere vittime dei poteri criminali. Per questo ci siamo preoccupati di stanziare queste risorse. Non intendiamo chiudere gli occhi di fronte a questa condizione materiale drammatica e a un qualcosa di orribile che sta accadendo”.

Soprattutto perche’ “nei primi sei mesi del 2020, a fronte di un calo di circa il 26% di denunce per i reati tradizionali, le denunce per usura sono aumentate quasi del 10%. Quindi e’ in atto un processo silenzioso ed e’ legato alla disperazione degli individui in una comunita’ piu’ fragile- ha rimarcato Zingaretti- Questa battaglia va combattuta”. Anche nelle aule di Tribunale.

“La Regione Lazio- ha concluso Zingaretti- si costruira’ parte civile accanto a tutte le vittime in tutti i processi di usura, per dare il segno tangibile di una vicinanza concreta della nostra amministrazione che, accanto alle misure economiche per evitare di cadere in questa spirale drammatica, non si sottrarra’ anche nella battaglia legale”.

Più informazioni su