Quantcast

Regione Lazio: incidenza bassissima su Tpl certificata da indagine Nas

Roma – “Quello che abbiamo fatto e’ mettere in campo gia’ da Gennaio un robusto rafforzamento dei mezzi pubblici con un piano condiviso e deliberato dalla prefettura di Roma, che ha portato a mettere su strada molti mezzi e sviluppare nuove linee, 15 dentro la citta’ di Roma, facendo grandi numeri.”

“I risultati sono stati evidenti e soddisfacenti perche’ stiamo parlando solo per le linee aggiuntive su Roma di 894 mezzi a settimana e 18 mila trasportati al giorno, sono numeri importanti.”

“Abbiamo avuto anche un ottimo riscontro sui voucher per i taxi. Questo e’ un sistema flessibile, quando si e’ entra in zona rossa si alleggerisce, ma da ieri e’ in grado di riprendere a pieno l’attivita’”. Lo ha detto Mauro Alessandri, assessore ai Trasporti della Regione Lazio, intervistato da ‘Gli Inascoltabili’ su Nsl Radio.

“Noi abbiamo avuto notifiche di questa analisi su 3 mezzi Cotral, nella provincia di Frosinone, l’azienda sta verificando le condizioni di sanificazione.”

“Stiamo verificando se la sanificazione era avvenuta, le faccio presente che tutti i mezzi vengono sanificati completamente una volta rientrati in rimessa consentendo la assoluta sicurezza del mezzo e questo viene fatto dall’inizio della fase pandemica con due pulizie al giorno sulle maniglie, i supporti che si trovano all’interno dei mezzi e la sanificazione totale prima che il mezzo esca per riprendere il servizio.”

“Rispetto ai controlli possiamo dire che c’e’ un’incidenza bassissima di questi rilievi rispetto ai controlli fatti e nella relazione dei NAS stessi e’ presente questo dato, senza che questo significhi una capacita’ infettante”.

“Trasportiamo circa un milione di utenti al giorno nella nostra regione, in sicurezza ed in efficienza, e’ chiaro che si puo’ sempre migliorare ma non si puo’ non partire da un gran lavoro, la sicurezza dei nostri mezzi credo che questa analisi lo rilevi e credo ci sia una bassa incidenza. Noi conviviamo con una pandemia, il rischio zero non esiste per qualunque attivita’ umana, dal punto di vista del trasporto pubblico credo che siamo stati fino ad oggi all’altezza di questo compito”.