RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Roma Capitale, diminuisce del 40% l’infestazione della zanzara tigre al via campagna di contrasto 2012

Più informazioni su

Campagna di disinfestazione mirata, interventi capillari avviati per tempo e coinvolgimento dei cittadini per la profilassi nei condomini privati. E’ questa la strategia individuata da Roma Capitale, Istituto Superiore di Sanità e Ama che nel2011 haconsentito di ridurre del 40% l’infestazione da zanzara tigre su tutto il territorio romano.

“Si tratta di un risultato importante ottenuto grazie ad un’attenta programmazione di Roma Capitale e ad una capillare bonifica eseguita per tempo da Ama – ha dichiarato l’Assessore all’Ambiente, Marco Visconti.

Anche quest’anno abbiamo avviato gli interventi con largo anticipo rispetto al passato e sensibilizzato gli amministratori di condominio ad intervenire nei comprensori privati in modo da limitare l’infestazione e migliorare ancora i risultati ottenuti”.

I 350mila tombini mappati da Ama anche quest’anno saranno oggetto degli interventi di disinfestazione messi a punto secondo il programma già collaudato nel 2011. Per assicurare gli stessi risultati di riduzione dell’infestazione, dall’inizio di maggio sono entrate in azione 12 squadre di Ama Soluzioni Integrate che tombino dopo tombino, stanno eseguendo le operazioni di bonifica attraverso l’uso di enzimi effervescenti in grado di inibire la crescita delle larve di zanzara aedes albopictus, senza creare danni all’ambiente e agli altri animali.

Su ogni tombino “bonificato” le squadre effettueranno passaggi ripetuti (almeno 4 interventi). Dai primi di maggio ad ora sono stati già trattati oltre 40 mila tombini.

 

“Per tenere sotto controllo l’infestazione, saranno utilizzati 2 strumenti – ha dichiarato lo zoologo capitolino, Bruno Cignini -. In 40 punti strategici (scuole, cimiteri ed ospedali) i tecnici capitolini insieme ai ricercatori dell’Istituto Superiore di Sanità, piazzeranno speciali trappole  BG Sentinel che, grazie alla riproduzione dell’odore umano di sudore, attireranno e cattureranno le zanzare”.

 

“A queste esche saranno affiancate circa 300 ovitrappole dislocate su tutta Roma – ha aggiunto il dottor Francesco Severini, ricercatore dell’Istituto Superiore di Sanità -. Si tratta di contenitori d’acqua in cui è immersa una barra di masonite sulla quale le zanzare tigri sono portate a deporre le uova.

Ovitrappole e BG Sentinel verranno poi controllate periodicamente dai ricercatori dell’Istituto Superiore di Sanità, i quali conteranno le uova e gli esemplari adulti catturati, in modo da indirizzare proficuamente gli interventi di Ama”.

 

Le trappole apposte nella precedente campagna di contrasto hanno certificato la diminuzione sensibile del numero delle zanzare tigri che nel 2011, appunto, ha visto diminuire del 40% il numero di Aedes Albopictus presenti a Roma. Inoltre, dall’analisi virologica effettuata dal Dipartimento di Malattie Infettive dell’Istituto Superiore di Sanità con tecniche di biologia molecolare, effettuata sugli esemplari adulti di zanzara catturati tramite BG Sentinel, è stata riscontrata l’assenza di virus d’importanza sanitaria per l’uomo, di cui la zanzara stessa è naturale vettore.

 

Per controllare l’infestazione è di fondamentale importanza la collaborazione dei cittadini poiché il 70% dei focolai si forma su territorio privato. E’ essenziale, dunque, tenere puliti balconi, terrazzi e tombini condominiali, svuotando i sottovasi dall’acqua residua e bonificando i canali di scolo delle acque bianche con pastiglie a base di bacillus thuringiensis, un prodotto naturale ad azione specifica contro la zanzara tigre, reperibile in farmacia e nelle rivendite agricole.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RomaDailyNews, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.