RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

ROMA CAPITALE | On line il bando per “L’estate Romana”: Trasparenza, qualità e accessibilità le parole chiave

Più informazioni su

 Barca: “Un bando di altissima qualità, frutto di un percorso innovativo e partecipativo. Protagonisti saranno talenti emergenti e luoghi inediti”

Trasparenza, qualità e accessibilità le parole chiave del bando innovativo sull’Estate Romana, per il periodo 21 giugno – 30 settembre 2014, firmato dall’Assessorato alla Cultura di Roma Capitale. Un bando che valorizza i talenti emergenti e che si fa strumento di una cultura sempre più diffusa nella città. E’ on line su Albo Pretorio,  www.comune.roma.it/cultura e www.culturaroma.it con scadenza il 22 maggio 2014.

Novità.

Il bando stabilisce una commissione di valutazione composta da 3 membri esterni e due interni. Inserito quest’anno il modulo di self evaluation, uno strumento di trasparenza e di monitoraggio delle politiche pubbliche. Inoltre, per la prima volta alle manifestazioni vincitrici, verrà data una liquidazione delle spese di organizzazione affrontate del 30% mentre la quota residua sarà erogata a seguito della conclusione delle attività previste dietro presentazione della rendicontazione.

Sono molto contenta – dichiara l’Assessore alla Cultura Flavia Barca – nonostante le difficoltà abbiamo fatto un bando di altissima qualità, frutto di un percorso innovativo e partecipativo. La missione principale che ci siamo dati è stata quella di allineare il bando a chiari obiettivi di politica pubblica, partendo dalla volontà di valorizzare il talento, la qualità, la capacità innovativa e il legame con il territorio. E avendo ben chiaro il mandato di massimizzare le opportunità di incontro culturale con una offerta sempre più aperta, inclusiva e trasparente”.

 

Descrizione del Bando

  Protagonisti saranno i luoghi.

Roma Capitale ha individuato con il supporto dei Municipi una serie di spazi cittadini dove svolgere le manifestazioni da inserire nel palinsesto “Estate Romana 2014”; ciò ai fini di una distribuzione  uniforme e capillare delle iniziative sul territorio della Città che agevoli una fruizione culturale partecipata e diffusa;

a ciascuno dei luoghi e degli spazi prescelti l’Amministrazione Capitolina ha abbinato i generi artistici che, per ragioni organizzative, culturali, tecniche ed ambientali presentano la migliore compatibilità con le aree selezionate;

Si riconosce, comunque, ai soggetti concorrenti la possibilità di individuare, all’interno della propria proposta, un luogo di svolgimento della manifestazione diverso da quelli indicati dall’Amministrazione Capitolina, previa ampia ed esaustiva illustrazione delle motivazioni artistiche, storiche, tecniche e ambientali che hanno determinato tale scelta alternativa la quale sarà sottoposta al vaglio della Commissione di Valutazione.

Criteri di ammissibilità: potenziata accessibilità.

Essere manifestazioni di spettacolo dal vivo e/o cinematografiche e/o artistiche, a carattere anche interdisciplinare, ma sempre riconducibili ad un unitario e coerente progetto culturale;

essere organismi privati (imprese, associazioni, fondazioni, cooperative, comitati organizzativi) regolarmente costituiti con atto pubblico o scrittura privata registrata, organizzati anche in forma riunita, purché, in tal caso, venga conferito mandato con rappresentanza ad uno di essi detto “Capogruppo”;

operare continuativamente e preminentemente nel campo dello spettacolo e/o nel settore culturale; essere in possesso di partita I.V.A.; non svolgere attività partitica o che dia vita ad iniziative di carattere politico;

I soggetti organizzatori interessati, a pena di esclusione, potranno presentare domanda di partecipazione all’Avviso Pubblico per una sola proposta di manifestazione.

Criteri di valutazione.

I principali criteri di valutazione con i quali i progetti preparati verranno giudicati sono: Qualità del progetto (diversi indicatori tra cui innovatività, originalità, coinvolgimento di giovani entro i 35 anni nella parte produttiva e/o organizzativa),

Idoneità tecnico-gestionale-imprenditoriale della proposta di manifestazione (per esempio capacità dell’organizzatore del reperimento di risorse da altri enti pubblici o da organismi europei),

capacità di diffusione del progetto artistico (per esempio per la presenza all’interno della programmazione della manifestazione di coproduzioni o collaborazioni nazionali o internazionali).

Per la prima volta il modulo di Self evaluation.

Il modulo di “self evaluation” è uno strumento sperimentale messo a disposizione dei soggetti proponenti per elaborare una scheda di autovalutazione ex ante ed una scheda di autovalutazione ex post della propria proposta, al fine del progressivo e futuro miglioramento della propria iniziativa e per la costruzione di strumenti di piena trasparenza e di monitoraggio delle politiche pubbliche.

I criteri di autovalutazione individuati sono: originalità della proposta, potenziale di attrazione e coinvolgimento del pubblico espresso dalla manifestazione proposta, integrabilità della proposta, intesa come coinvolgimento del progetto di sviluppare sinergie con il territorio, la capacità della manifestazione proposta di promuovere lo sviluppo sociale, economico, istituzionale ed ambientale del territorio in stretta connessione con la comunità locale; tutte le forme di indotto ed esternalità positive portate dal progetto. E’ inoltre richiesto che ogni soggetto individui/proponga un criterio specifico di auto-valutazione aggiuntivo a quelli proposti nel bando.

Commissione di valutazione.

E’ composta da cinque membri di comprovata esperienza nelle materie di pertinenza del bando, di cui: tre componenti esterni all’Amministrazione Capitolina; due componenti interni all’Amministrazione Capitolina, tra i quali verrà designato il Presidente di Commissione.

La valutazione che dovrà avvenire entro 20 giorni dal termine perentorio di scadenza dell’Avviso Pubblico, è articolata in due fasi: una verifica di ammissibilità e una verifica di idoneità tecnica.

Risorse.

Le risorse finanziarie complessivamente destinate alla concessione dell’intervento economico per l’Estate Romana 2014 ammontano a 1.300.000,00 euro. Quest’anno l’intervento economico concesso a ciascun beneficiario potrà prevedere una prima tranche di liquidazione, in misura non superiore al 30%, per i servizi resi e le attività preliminari svolte ai fini della programmazione e dell’organizzazione della manifestazione.

Più informazioni su