Roma Metropolitane, Pd Campidoglio: futuro oscuro

Roma – “Ci sono volute diverse proteste e tre delibere per poter sbloccare i pagamenti degli stipendi dei lavoratori di Roma Metropolitane, delibere arrivate in Aula all’ultimo momento, come al solito di questa giunta.”

“Solo grazie alla responsabilita’ e alle pressioni delle opposizioni, infatti, sono state inserite nella seduta di consiglio di ieri e sono passate velocemente. Un passo importante per i lavoratori, seppur di breve respiro.”

“Per mettere in sicurezza i lavoratori, l’azienda e le opere, serve approvare i bilanci fermi ormai al 2015. Serve uscire dalla liquidazione, serve un nuovo contratto di servizio.”

“Abbiamo chiesto ripetutamente in tutte le sedi, consiliari e non solo, di sapere quando saranno pagati gli stipendi, quando la giunta approvera’ i bilanci, quando si uscira’ dalla liquidazione, quando sara’ pronto il nuovo contratto. Ma dalla sindaca e dall’ Assessore solo un profondo silenzio, neanche l’educazione istituzionale di una mera risposta di forma”. Cosi’ in una nota il gruppo del PD capitolino.

“Gli uffici sono senza una guida, senza una regia ed una direzione, tanto da spingere il Segretariato a chiedere un parere alla Corte dei Conti su queste delibere. Come al solito la Raggi e i suoi aspettano indicazioni dall’esterno, a volte in cerca di un colpevole a volte in cerca di una scusa per i disastri che lasceranno in questa citta’.”

“Senza certezze non sappiamo neanche se riusciremo a spendere i 425mln che il governo Gentiloni diede a Roma per la messa in sicurezza delle linee della metropolitana”, continua.

“Senza risposte e tempi certi non sappiamo se riusciremo a vedere realizzata anche solo la piu’ piccola infrastruttura utile al grande evento giubilare. Raggi e Lemmetti non rispondono, nascondendo dietro il silenzio i loro fallimenti, pronti a dare la colpa a quelli di prima; peccato che ormai agli sgoccioli della consiliatura, quelli di prima siano loro”.