Roma Metropolitane, Verdi: basta Spa pubbliche nei servizi locali

Roma – “Apprendiamo dalla stampa, oltre che dai disservizi e dalle stazioni chiuse che ormai costellano tutta la rete, che anche Roma Metropolitane e’ a un passo dal fallimento, pronta a far compagnia ad Atac in concordato preventivo, e ad AMA coi bilanci in rosso dal 2016: e’ la fine ingloriosa delle partecipate pubbliche romane”. Cosi’, in una nota, Guglielmo Calcerano e Silvana Meli, co-portavoce del Verdi- EV di Roma.

Prosegue la nota: “Le municipalizzate a Roma sono state un flop e, anche in epoca Raggi, il Comune di Roma e’ l’unico imprenditore che, in presenza di debiti, anziche’ far fallire le proprie societa’ e salvare il patrimonio, che e’ dei cittadini, cerca di salvare le societa’ e le clientele”.

“Occorre riportare saldamente in mano pubblica i servizi, come mobilita’ e rifiuti, con lo strumento dell’azienda speciale e accantonare l’ibrido della S.p.A. pubblica, come gia’ fatto dal Comune di Latina per i rifiuti.”

“Di questo bisognerebbe parlare pubblicamente in vista delle amministrative, ma il dibattito a Roma e’ prigioniero dei nomi e subordinato alle questioni nazionali nonostante il Governo non abbia neanche previsto adeguati fondi per una misura essenziale come la chiusura dell’anello ferroviario a Nord. Come Verdi- concludono Calcerano e Meli- facciamo appello a tutte le forze politiche affinche’ si apra una seria discussione sulla mobilita’ e, in generale, sul futuro delle municipalizzate”.