Quantcast

Roma Multiservizi, niente gara: servizi scuola in appalto esterno per un anno

Roma – Non c’è fine per la travagliata vicenda della Roma Multiservizi, la partecipata capitolina controllata da Ama che dopo cinque anni passati tra promesse di internalizzazione e poi tentativi di gare a doppio oggetto, sempre per mano della stessa amministrazione guidata dalla sindaca Virginia Raggi, adesso vede le proprie attività principali destinate a essere appaltate a soggetti esterni tramite procedura negoziata con un contratto di un anno.

È stato pubblicato ieri, infatti, un avviso di manifestazione d’interesse per una procedura negoziata per l’affidamento in via d’urgenza (ai sensi dell’art. 63, co. 2, lett. C del D.Lgs. 50/2016) del servizio scolastico integrato di competenza di Roma Capitale, per un importo complessivo di 66.328.531,32 euro di cui 54.367.648,62 come importo a base di gara, 108.518,26 euro per oneri della sicurezza non soggetti a ribasso e Iva al 22% per un importo di 11.960.882,70 euro.

Roma Capitale, si legge nell’avviso, “intende esperire una procedura negoziata per l’affidamento del servizio scolastico integrato; questo costituisce servizio d’interesse generale e risponde alla finalità di garantire la continuità, regolarità e sicurezza dell’attività educativa”.

Il servizio, spiega il Campidoglio, è articolato nelle seguenti attività fra loro organiche ed integrate: a) ausiliariato nei nidi, nelle scuole dell’infanzia comunali, nelle sezioni ponte, nelle scuole d’arte e dei mestieri; b) assistenza al trasporto scolastico riservato (alunni normodotati e disabili delle scuole dell’infanzia – comunali e statali – primarie e secondarie di primo grado e, per i soli alunni disabili, delle scuole secondarie di secondo grado); c) pulizia nei nidi, nelle scuole dell’infanzia comunali, nelle sezioni ponte, nelle scuole d’arte e dei mestieri; d) piccola manutenzione e facchinaggio nei nidi e nelle scuole dell’infanzia comunali. La durata del contratto è di 1 anno”.