Roma. Regimenti (Lega): “Cimitero Verano abbandonato nel degrado, Raggi si vergogni”

Più informazioni su

    Il cimitero monumentale del Verano, il più grande d’Europa, versa nel degrado assoluto, abbandonato dall’amministrazione comunale, continuamente esposto ad atti di vandalismo e a furti di qualsiasi oggetto che possa essere rivenduto, vasi e immagini sacre di rame, vasi di vetro, piccole cornici d’argento, addirittura corone di fiori e cuscini funerari posti al di fuori del deposito. E’ rifugio per i senza tetto e per i tanti rom che vivono in roulotte e tende da campeggio lungo la cinta muraria del cimitero e che approfittano dei servizi sanitari interni. Sparsi ovunque ci sono rifiuti, calcinacci, transenne, pavimenti sconnessi, cancelli divelti, aree senza illuminazione e senza l’acqua necessaria per sistemare i fiori”. E’ quanto dichiara Luisa Regimenti, eurodeputata della Lega e responsabile Sanità per il partito nel Lazio.

    “Uno squallore inaccettabile – aggiunge – che purtroppo dura da anni nel totale e colpevole immobilismo dell’amministrazione capitolina, con l’Ama pronta a intervenire solo quando si avvicina la data della commemorazione dei defunti o a produrre, come sta accadendo in questi giorni, ambiziosi documentari dedicati ai sentieri del cimitero e alle sue storie artistiche. Alla sindaca Raggi chiediamo se non si vergogna di lasciare luoghi come il Verano in queste condizioni, che mettono a rischio anche la sicurezza sanitaria dei familiari che si recano in visita ai propri cari. Ma la risposta, forse, è scontata vista la situazione in cui versa Roma, sempre più nel caos” conclude.

    Più informazioni su