Roma. Virginia Raggi: mi ricandido, vado avanti

Più informazioni su

Il sindaco di Roma, Virginia Raggi, ha ufficialmente sciolto le riserve e ha annunciato l’intenzione di ricandidarsi nel 2021 per un secondo mandato alla guida del Campidoglio.

L’annuncio e’ arrivato in videoconferenza dalla stessa prima cittadina mentre era in corso una riunione di maggioranza.

“Mi ricandido, vado avanti”, ha detto Raggi agli assessori e ai consiglieri del M5S riuniti in Campidoglio.

L’annuncio e’ stato accolto dagli applausi dei partecipanti, che hanno espresso la loro approvazione anche con frasi come ‘Brava Virginia’, ‘Era ora’. Raggi e’ stata eletta sindaco nel 2016, dopo un primo mandato di due anni come consigliere pentastellata di opposizione all’amministrazione dem di Ignazio Marino.

“Virginia Raggi ci ha detto che correra’ nuovamente per fare la Sindaca di Roma. ‘Non ci sto ad apparecchiare la tavola per far mangiare quelli di prima. Sono convinta che dobbiamo andare avanti’. Le sue parole sono verita’”. Cosi’ su Facebook il consigliere M5S del Comune di Roma, Paolo Ferrara.

“La ricandidatura di Virginia Raggi a sindaca di Roma alle prossime elezioni e’ una scelta che mi sento di sostenere pubblicamente con grande convinzione. La stessa convinzione che mi fa dire che dal 2016 ad oggi moltissimo e’ stato fatto per questa citta’ e che occorre necessariamente un tempo maggiore dei primi 5 anni di consiliatura per risolvere problemi stratificatisi nel corso di decenni”.

Lo scrive su Facebook l’assessore allo Sport di Roma Capitale, Daniele Frongia.

“Per questo spero che in occasione degli Stati Generali venga consentito ai sindaci di poter proseguire attivita’ estremamente complesse anche oltre i primi 5 anni. Ne approfitto, a poco meno di un anno dal termine di questa esperienza di governo della citta’, per sottolineare il grande lavoro svolto dai quasi 300 esponenti del M5S a Roma in questi anni: sindaca, colleghi di giunta, consiglieri capitolini, presidenti, assessori e consiglieri municipali. Forza Virginia, forza tutti noi”, conclude Frongia.

“Speriamo che la Raggi, nel comunicare ai suoi consiglieri capitolini la volontà di ricandidarsi a sindaco di Roma, faccia sul serio. Per il centrodestra sarebbe una vittoria a tavolino senza il bisogno di elezioni. Se invece era una battuta, sappia che è stata più divertente di un’intera trasmissione di Scherzi a parte’.

Lo afferma Daniele Giannini, consigliere regionale della Lega, che aggiunge: “A dire il vero la sua ricandidatura ci sta tutta. In 5 anni è riuscita a tenere Roma pulita, a ripare tutte le buche, a non far andare a fuoco nemmeno un mezzo pubblico, a creare scale volanti più che  mobili nella metropolitana. Dispiace solo una cosa. La mancata creazione della funivia di Casalotti. Sarebbe stata la ciliegina sulla torta”.

“Ai Romani interessa poco se la Raggi si ricandida, è solo l’ennesima dimostrazione che le regole e la morale dei 5 stelle lasciano il tempo che trovano esattamente come la gestione della città da parte della sindaca che vuole affrontare il suo terzo mandato a dispetto di tutto e tutti”.

Così in una nota il consigliere capitolino della Lega-Salvini Premier Davide Bordoni.

“Non serve neanche spiegare perché cambiare le regole del gioco, Roma ne ha viste abbastanza e i cittadini, ora, vogliono una storia diversa da un finale già scritto dal suo personale cerchio magico e dalla banda di Grillo pronti a condannare gli altri per un nonnulla ma sempre primi giustificare sé stessi. Se ne dovranno andare tutti per come hanno ridotto la Capitale. Noi continueremo quel lavoro di ascolto e di presenza sul territorio che farà vincere le elezioni alla LEGA e al centrodestra a Roma”.

Più informazioni su